Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Marzo 2012
Categoria1__Notizie

Entro l’anno pannelli fotovoltaici su oltre 400 scuole romane

 

Si affideranno ufficialmente nei prossimi giorni i lavori per realizzare pannelli fotovoltaici per la produzione di energia pulita sui tetti di centinaia di scuole romane. Si è chiusa ufficialmente, infatti, la gara indetta per affidare in project financing l’installazione di impianti fotovoltaici sui tetti delle scuole comunali.

 

Il bando riguardava oltre 500 scuole di proprietà di Roma Capitale, divise in 4 lotti e riguardanti i territori di tutti i Municipi romani, ad esclusione del Centro storico e del XVII per ovvi motivi di vincoli. Il 29 marzo è cominciata l’analisi delle offerte. Per ora si sa che è andato deserto solo uno dei quattro lotti del bando, che riguarda quattro Municipi della città. Per gli altri tredici Municipi sono arrivate offerte dall’Acea SpA, dalla Cofely e dalla Siram, aziende leader in Italia e in Europa nello sviluppo sostenibile e nel risparmio energetico. I lavori partiranno nel corso dell’anno in oltre quattrocento scuole, ed entro l’anno i pannelli trasformeranno l’energia solare in energia elettrica per un totale di 6 megawatt, una produzione che consentirà alle casse del Comune un risparmio enorme e alla città notevoli vantaggi ambientali con l’utilizzo di un’energia pulita. Vantaggi ambientali, dunque, e insieme economici, derivanti dalla valorizzazione dell’energia prodotta, i cui ricavi consentono di eseguire l’impermeabilizzazione dei terrazzi con problemi di infiltrazioni, contestualmente all’installazione dei pannelli: una spesa in meno per il bilancio di Roma Capitale alla voce “manutenzione degli edifici scolastici”.

 

Il progetto rientra nel programma triennale dei lavori pubblici di Roma Capitale 2011-2013 e risponde agli obblighi comunitari in materia di produzione di energia da fonti rinnovabili e di abbattimento delle emissioni di CO2.

 

"Grazie a questo sistema Roma potrà diventare una grande centrale fotovoltaica – ha dichiarato all’avvio della gara il Sindaco Alemanno - Questo è un intervento che ci consentirà di finanziare nuovi lavori nelle scuole e nei cimiteri. E' il più grande progetto fotovoltaico su edifici pubblici in Italia".

 

L’investimento, di oltre 20 milioni di euro, è a carico dei privati che avranno la gestione degli impianti per 25 anni e guadagneranno dalla vendita alle compagnie elettriche del surplus di energia prodotta. A loro carico, la manutenzione degli impianti e dei tetti.
Nel programma triennale dei lavori pubblici rientra anche il progetto per realizzare impianti fotovoltaici nei cimiteri Flaminio e Laurentino. In questo caso si tratterà di un investimento di 15 milioni di euro, sempre a carico di investitori privati, necessario alla produzione di una potenza complessiva installata di 4,2 megawatt.

 

Attualmente sistemi fotovoltaici avanzati sono stati già realizzati a servizio dei parcheggi della Fiera di Roma e del centro commerciale Commercity. Quest’ultimo, inaugurato lo scorso anno a maggio, è il più grande parco fotovoltaico della città ed è stato realizzato da Acea Servizi in collaborazione con Roma Capitale.
Ed è sempre un sistema fotovoltaico ad alimentare gli impianti di cogenerazione metano-idrogeno delle piscine universitarie a Tor di Quinto. Inoltre l’Acea ha in programma di integrare la sostituzione delle lampade per l’illuminazione stradale a led con sistemi fotovoltaici. Infine, pannelli solari alimenteranno le colonnine di ricarica elettrica per il car-sharing in centro storico.

 

È stimato che con l’uso dei pannelli fotovoltaici i costi sulle bollette dell’energia elettrica si abbattono del 35%, mentre quelli per l’acqua calda praticamente si azzerano. Indubbi, poi, oltre ai risparmi, anche i vantaggi per l’ambiente. L’installazione ad esempio dei pannelli solari sul tetto di una scuola, la primaria Cuoco nel quartiere Marconi, una struttura scolastica già dotata da qualche anno dei pannelli fotovoltaici, permette di risparmiare 13.360 Kg l’anno di anidride carbonica: come se nella zona fosse stata piantata una foresta di oltre 1700 alberi.

 

MGP

 

 


Invia questo articolo