Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Servizio disabilità
Categoria1__Notizie

Progetto Residenzialità per disabili adulti


Il servizio


Il Dipartimento Politiche Sociali mette a disposizione degli adulti con disabilità case famiglia per l'accoglienza 24 ore. Le residenze sono di tipo “civile abitazione”, cioè sono pensate per rispondere alle esigenze di piccoli gruppi di ospiti in un clima che si avvicini il più possibile a quello familiare. Si tratta di una valida alternativa all’istituzionalizzazione (ricovero in istituti dedicati) che ricorre in tutti quei casi in cui il distacco dal nucleo familiare d’origine non possa avvenire in modo autonomo e funzionale.


Al'interno delle strutture si svolgono interventi socio-educativi e relazionali, volti al mantenimento e allo sviluppo della rete sociale di riferimento. In questo ambito il Servizio Disabilità svolge attività di monitoraggio e vigilanza sui programmi e sulle attività previste con gli ospiti.
Per quanto attiene alle comuni esigenze di tipo sanitario, ci si avvale dei presidi territoriali del Servizio Sanitario Nazionale.
Il progetto è realizzato in stretta collaborazione con i Servizi Disabili Adulti delle AA.SS.LL., che effettuano una prima valutazione delle richieste di residenzialità inoltrate dai cittadini destinatari del progetto e partecipano alla stesura dei Progetti Personalizzati previsti per ogni ospite inserito in struttura.

 

La gestione delle strutture è affidata ad Enti del Terzo Settore ai quali viene rilasciata, da un’apposita Commissione istituita da questo Dipartimento, l’autorizzazione all’apertura e al funzionamento con la conseguente iscrizione al Registro comunale.
Gli Enti autorizzati, sulla base delle risorse a disposizione della U.O., possono stipulare un contratto di convenzione per la gestione delle Case Famiglia.

 

A chi è rivolto

 

È un servizio rivolto ad adulti con disabilità fisiche, psichiche e/o sensoriali (L. 104/92) che abbiano diversi gradi di autonomia e autosufficienza, ma che non necessitino di assistenza sanitaria (medica o terapeutica) di tipo continuativo, non abbiano superato l’età pensionabile e siano residenti nel Comune di Roma.

 

Modalità di accesso


Per accedere al Servizio è necessario inviare la richiesta al Servizio Disabili Adulti del Distretto AA.SS.LL. di residenza e a Roma Capitale – Dipartimento Politiche Sociali, Sussidiarietà e Salute - U.O. Interventi di supporto alle persone fragili - Integrazione socio sanitaria - Viale Manzoni,16 -00185 (non esiste un modulo prestampato).
Nella domanda vanno indicati:
- Nome, cognome e indirizzo di chi fa la domanda e, nel caso non si tratti del destinatario del Servizio, tipo di parentela o di titolarità nei confronti del destinatario (per esempio: genitore, fratello, tutore, amministratore di sostegno, servizio competente, ecc.);
- Nome, cognome, data di nascita e indirizzo del destinatario del Servizio.

L’immissione in lista di attesa avviene sulla base della relazione socio sanitaria inviata dal Servizio ASL competente, a questa viene attribuito un punteggio secondo i requisiti previsti dalla Del. G.C. n. 4373/95 e successive modificazioni.
I requisiti indicati sono i seguenti:
- Assenza parziale/totale dei genitori;
- Anzianità e malattie gravi dei genitori;
- Gravi situazioni sociali, ambientali e/o relazionali familiari;
- Totale mancanza di servizi;
- Condizioni economiche.

L’ammissione nelle strutture avviene sulla base di una valutazione, effettuata in accordo con il Servizio ASL competente, che tiene conto non solo del punteggio ma anche delle caratteristiche della persona in relazione a quelle del gruppo di ospiti già presenti nelle strutture.

 

Costi

 

Il progetto prevede che i cittadini titolari di un reddito partecipino alla retta nella misura del 70% del proprio reddito, fermo restando la conservazione della quota corrispondente all’importo dell’assegno sociale. Inoltre i beneficiari per legge di assegno di accompagnamento, sono tenuti a corrispondere l’intera quota di detto assegno.

 

Monitoraggio tecnico e procedimentale

 

- ASL RM1 – Municipi XIII, XIV e XV: Adalgisa Della Porta tel. 06 671071317 / fax 06 77207587,          e-mail adalgisa.dellaporta@comune.roma.it
- ASL RM1 –  Municipi I, II e III: Luciana Marra tel. 06 67105084                                                                  e-mail luciana.marra@comune.roma.it 

- ASL RM2 – Municipi IV, V e VI: Angela Malet tel. 06 67105264 / fax 06 77207587,                                e-mail angela.malet@comune.roma.it
- ASL RM2 – Municipi VII, VIII e IX: Patrizia Bocci tel. 06 67105333 / fax 06 77207587,                            e-mail patrizia.bocci@comune.roma.it
- ASL RM3 – Municipi X, XI e XII Adalgisa Della Porta tel. 06 671071317 / fax 06 77207587,                  e-mail adalgisa.dellaporta@comune.roma.it

 

Riferimenti normativi

 

Deliberazione della Giunta Comunale n. 4373 del 29.12.95 e successive modificazioni

 

 

Pubblicazione: 18/09/2012

Aggiornamento: 24/03/2017


Invia questo articolo