Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  1.2 Il contesto interno
Categoria1__Notizie
Data__31/10/2012
Data__2012

L'organizzazione di Roma Capitale

 

1.2.1 L’organizzazione di Roma Capitale


L’organizzazione di Roma Capitale è disposta dalla Giunta capitolina, per assicurare lo svolgimento delle funzioni attribuite all’Ente dalla legge e l’attuazione degli obiettivi del programma amministrativo; al momento è così strutturata:

 

                                          Organigramma di Roma Capitale

Organigramma Piano Performance 2012 2014

 

Organi di Alta Direzione
Per favorire il raccordo tra la funzione di indirizzo politico, di competenza del Sindaco e della Giunta, con la funzione gestionale, che spetta alla dirigenza, Roma Capitale ha previsto “Organi di Alta Direzione”, con compiti di raccordo, nonché di indirizzo e presidio del buon andamento dell’azione amministrativa:
• Segretario – Direttore Generale dell’Ente, cui spetta la funzione di sovrintendere alla organizzazione, regolazione e pianificazione generale degli obiettivi, nonché il supporto agli Organi politici nella traduzione delle scelte politico istituzionali in programmi, progetti e obiettivi da affidare alla macrostruttura capitolina, garantendo al contempo la legalità, l’efficienza e l’efficacia dell’azione amministrativa;
• Direttore Esecutivo, quale funzione dirigenziale centrale deputata a sovrintendere e assicurare il controllo di gestione e l’efficiente gestione delle risorse dell’Ente, con particolare riguardo alle attività di finanziamento e sviluppo economico, di investimento e valorizzazione del patrimonio;
• Comitato di Direzione, che sovrintende alla gestione di Roma Capitale e assicura l’unitario svolgimento delle funzioni dirigenziali, in coerenza e in attuazione dei programmi degli Organi politici e delle direttive del Sindaco, composto dal Segretario – Direttore Generale, dal Capo di Gabinetto e dal Direttore esecutivo;
Inoltre, si richiama il ruolo dell’Organismo Indipendente di Valutazione (OIV) posto in posizione di autonomia dall’Ente e che non svolge funzioni direzionali, in quanto ha compiti di indirizzo tecnico e di verifica ai fini della corretta programmazione della performance, nonché dell’adeguatezza degli strumenti e delle modalità di misurazione e di valutazione del suo livello di conseguimento.

 

Macrostruttura Capitolina
Le Strutture di Roma Capitale, in relazione ai compiti e alle funzioni affidate, sono classificate nelle seguenti tipologie:
Strutture di Supporto agli organi e all’amministrazione, dotate di un elevato grado di autonomia, con compiti di supporto specialistico per lo svolgimento delle funzioni dell’Ente, di consulenza e di assistenza agli organi istituzionali e gestionali;
Strutture di Staff, la cui attività è finalizzata all’espletamento di funzioni trasversali, volte a garantire l’ottimale funzionamento della macrostruttura capitolina, ovvero alla gestione di funzioni specialistiche e/o strategiche per la realizzazione del Programma del Sindaco;
Strutture di Linea, destinate, prioritariamente, all’erogazione dei servizi e delle attività necessarie a soddisfare i bisogni dei cittadini. Le strutture di linea centrali svolgono una prevalente attività di programmazione e regolamentazione, di indirizzo e vigilanza sulle funzioni dei gestori dei servizi pubblici e di coordinamento e supporto ai Municipi, ognuna per la specifica area funzionale. Alcune delle strutture di linea centrali possono, tuttavia, svolgere anche compiti gestionali di diversi gradi di complessità, destinati all’erogazione di attività/prodotti/servizi alla cittadinanza;
Strutture Territoriali, costituite dai 19 Municipi, quali organismi di prossimità, con funzione essenziale di organizzazione, gestione ed erogazione dei servizi/prodotti/attività finali ai cittadini e alle imprese, nell’ambito del territorio di competenza e nel quadro delle attribuzioni previste dal Regolamento sul decentramento amministrativo.

 

Le Strutture di Supporto, di Staff e di Linea assumono, generalmente, la denominazione di Dipartimenti (es. Dipartimento Promozione dei servizi sociali e della salute), in alcuni casi sono diversamente denominati, in ragione delle particolari funzioni assolte, come ad esempio il Corpo di Polizia locale. Ognuna di queste Strutture è affidata alla responsabilità di un Direttore apicale.

 

Al loro interno i Dipartimenti e le strutture diversamente denominate prevedono una Unità di direzione, posta a supporto dell’esercizio dei compiti del Direttore apicale della struttura, con particolare riguardo a quelli connessi alla programmazione, pianificazione, monitoraggio e controllo dell’andamento delle attività e degli obiettivi del Dipartimento. Per lo svolgimento delle funzioni affidate, i Dipartimenti sono articolati in Unità Organizzative e, in alcuni casi, in Direzioni che comprendono almeno due Unità Organizzative; alla Direzione è preposto un Direttore e all’Unità organizzativa un Dirigente.

 

È prevista, quando ritenuta opportuna o necessaria in rapporto a specifiche esigenze di periodo, la costituzione di Uffici temporanei di scopo (equiparati alle Direzioni), oppure di Unità temporanee di Scopo (equiparate alle Unità organizzative), collocati nei Dipartimenti e, limitatamente agli Uffici temporanei di scopo, posti talvolta in posizione di autonomia rispetto al Direttore del Dipartimento.

 

Le Strutture territoriali, ovvero i Municipi, si articolano in:
• una Unità di Direzione, che costituisce la struttura di supporto per l’esercizio delle relative funzioni, con particolare riguardo a quelle connesse alla programmazione, pianificazione, monitoraggio e controllo dell’andamento delle attività e degli obiettivi del Municipio;
• una Unità Organizzativa Amministrativa, cui spetta l’organizzazione e la gestione di diversi servizi, come ad es. i servizi anagrafici, le attività connesse al commercio, all’artigianato e all’occupazione del suolo pubblico, i tributi, ecc.;
• una Unità Organizzativa Socio-Educativa-Culturale-Sportiva, destinata all’organizzazione e alla gestione dei servizi sociali, educativi, delle attività sportive e culturali;
• una Unità Organizzativa Tecnica, preposta alla manutenzione del territorio e del patrimonio, all’edilizia privata, alla segnaletica stradale, all’impiantistica, ecc.

 

 

Data ultimo aggiornamento 31/10/2012
 

 


Invia questo articolo