Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Attualità
Categoria1__Notizie
Data__06/09/2013
Data__2013

Nuovo Ufficio per i Rapporti con i Cittadini: sul Campidoglio per ascoltare problemi e proposte

inaugurazione urc

Roma, 10 settembre – Il sindaco Ignazio Marino ha inaugurato sabato scorso in piazza del Campidoglio l’Ufficio del Sindaco per i Rapporti con i Cittadini. Compito del nuovo ufficio: raccogliere idee, osservazioni e proposte dei romani. L’URC ha sede al piano terra di Palazzo Nuovo e le sue sale sono state decorate da tre esponenti della urban art. L'ufficio è aperto dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 16. Risponde al telefono, su WhatsApp, per scritto e per posta elettronica. I recapiti: indirizzo piazza del Campidoglio 00186 Roma. Telefono 06-67102001 / 2. WhatsApp 366-5828930. E-mail urc@comune.roma.it.
 

 

L'URC lavora a stretto contatto con il Sindaco e il suo staff e accoglie chiunque chieda qualcosa, o esponga un problema, di competenza dell'amministrazione di Roma Capitale; oppure ponga una questione che riguardi la vita della città. In generale, la precedenza va ai problemi che coinvolgono (o possono coinvolgere) più persone e alle proposte che potrebbero tradursi in progetti concreti per Roma. Le ragioni le ha chiarite il sindaco Marino al momento del taglio di nastro: per fare di Roma "ogni giorno di più una comunità, occorre ascolto, scambio d'idee". Con "l'indicazione di ciò che non va" e con "i suggerimenti che possono provenire dalle intelligenze dei romani su come può essere migliorata la qualità di vita e il funzionamento della nostra città”.  

 

Non appena inaugurato, l'Ufficio per i Rapporti con i Cittadini è entrato immediatamente nel vivo. Le sale si sono riempite da subito di cittadini e da subito il servizio è stato chiamato a risolvere problemi concreti: come quello della madre di un ragazzo di undici anni del X Municipio, neo-trapiantato di midollo osseo. Il ragazzo, ha fatto presente la madre, aveva bisogno di un mezzo di trasporto per andare a fare le terapie. L’URC ha contattato la Asl competente e il mezzo è stato trovato.

 

Frequentissima la richiesta di incontrare personalmente il Sindaco. Dato che il tempo a disposizione non basta per tutti, l'URC ha adottato questo sistema: a chi vuole parlare con il Sindaco viene chiesta una prima descrizione del problema da sottoporgli, possibilmente con la copia della relativa documentazione. Viene quindi fissato un primo appuntamento con i funzionari dell'URC stesso per approfondire la questione. A seguire, viene fissato l'appuntamento con il Sindaco o, in alternativa, con l'assessore competente o con gli uffici capitolini che possono aiutare chi ha posto il problema.

 

URC, la prima sala

 

Date le finalità dell'URC – mettere a fuoco le emergenze cittadine, accogliere, ascoltare, aiutare i più fragili – il Campidoglio ha ritenuto che le pareti dell'ufficio non dovessero restare asettici muri di un ambiente di lavoro. Si è così pensato di decorarli con immagini simboliche che rispecchiassero la mission di un ufficio aperto per definizione, affidando il compito ad artisti romani di strada. La Sovrintendenza di Roma Capitale ha scelto tre pittori che nel loro lavoro abituale esprimono forte sensibilità per i temi dell'accoglienza, della fragilità e dell'ascolto.

 

E così la prima sala ha sei pannelli con immagini di donne, bambini e animali inseriti nel paesaggio urbano; la seconda è decorata con cinque pannelli che rappresentano treni, immagine per eccellenza di percorso e arrivo a destinazione. La terza sala, infine, è caratterizzata da tre pannelli il cui protagonista è il pappagallo: che pensa e fa da portavoce dei propri pensieri, che sogna di poter girare per Roma in bicicletta e leggere tranquillamente in un parco, che chiede di non perdere l'equilibrio nonostante la precarietà del lavoro giovanile.

 

9 SET 2013 – PV
 


Invia questo articolo