Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Attualità
Categoria1__Notizie
Data__14/10/2013
Data__2013

Assessorato allo Sport e Qualità della vita, al via due commissioni strategiche

Palestra

Roma, 15 ottobre - L'assessore allo Sport e Qualità della vita, Luca Pancalli, ha fatto il punto della situazione e delle emergenze delle strutture sportive romane, dopo circa cento giorni dall' insediamento della nuova Giunta.

 

Pancalli ha dichiarato: "Sto creando due commissioni strategiche: una per verificare la funzionalità degli impianti sportivi, e l'altra per realizzare esperienze virtuose legate alla qualità della vita di Roma. Nel primo caso si tratta di provvedere alla revisione del regolamento impianti e approfondire la situazione economica delle strutture, considerando che in alcune situazioni i gestori non riescono a far fronte ai pagamenti".
 

 

A Roma c'è una predominanza di impianti privati rispetto a quelli pubblici. Attualmente nella Capitale risultano 152 impianti del Comune, mentre i privati sono 1.108, e 670 quelli municipali, comprese le palestre scolastiche. Su questo tema l’Assessore ha chiesto la collaborazione dei Municipi, per integrare il censimento esistente con le strutture che mancano all'appello. 
 

 

Pancalli, ha poi annunciato di voler creare anche una Commissione sulla Qualità della vita. "Ho creato un vero e proprio gruppo di lavoro che sta monitorando ciò che si fa negli altri paesi per indirizzare a stili di vita corretti. Nel mondo anglosassone si chiama Nudging e rappresenta il gesto che compie la mamma elefante spingendo i suoi piccoli con la proboscide per aiutarli ad avanzare e dargli lo slancio a vivere in modo indipendente. Vorrei che Roma fosse una città capofila nella firma di un documento con altri comuni d' Italia per mettere per iscritto i corretti stili di vita in modo da poter avere un punteggio, un po' come fa Goletta Verde con la qualità delle acque. Il mio sogno è che Roma diventi capofila per la qualità della vita: dalle palestre a cielo aperto alle piste ciclabili ai menù per i diabetici”.
 

 

Parlando delle emergenze Pancalli ha spiegato: "Una di queste è quella relativa a Tre Fontane e Centro Rugby che è al centro di un contenzioso giuridico e sul quale c'è attenzione da parte della Procura della Repubblica. Stiamo valutando tutte le soluzioni".

C’è poi il problema dello stadio Flaminio, dato in gestione prima al Coni e poi a Coni servizi. Ora dovrebbe rientrare nella disponibilità del Comune, che si trova ad affrontare un onere manutentivo che va dai 700 mila al milione di euro all' anno.  "E’ partito un percorso con Federcalcio - ha detto l’Assessore - che è disponibile a mantenere vive le altre discipline ed è sensibile ad aprire dentro lo stadio un museo da dedicare a Pierluigi Nervi unitamente ad un museo del calcio. Si dovrebbe procedere ad una assegnazione provvisoria alla Federcalcio che avvierà un progetto tecnico di ristrutturazione e poi procederemo ad avviare l'iter per l' assegnazione per un periodo più lungo".
 

 

Per quanto riguarda Capannelle c'è il tema di garantire la sopravvivenza del trotto romano. “Porterò mercoledì in Giunta una delibera per la realizzazione della pista da trotto - ha detto Pancalli - che comporta tuttavia dei problemi seri legati ad esempio al modus di realizzazione della pista stessa. Inoltre realizzando la pista da trotto non si risolve il problema perché non si sa dove mettere i cavalli sfrattati da Tor di Valle".
 

Tra le altre emergenze segnalate dall’Assessore ci sono quelle legate allo sgombero degli impianti sportivi di Tor di Quinto, quelle del polo natatorio di Valco San Paolo e quelle relative a Tor Vergata.

 

 

Rispetto alle manifestazioni sportive di cui Roma è protagonista nei week end, l’Assessore ha rilevato che manca una cabina di regia che le metta a sistema. “Dovremmo programmare quattro giornate all' anno – ha dichiarato Pancalli - e le manifestazioni che vorranno rientrare in quei giorni dovranno sposare dei temi di interesse sociale come, ad esempio, la violenza sulle donne. La cabina di regia, inoltre, servirebbe anche per tutto ciò che riguarda l' organizzazione di una manifestazione come i bagni chimici, gli agenti o le transenne da dover mettere".

 

 

14 OTT 2013 - MDF

 


 


Invia questo articolo