Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Dipartimento tutela ambientale
Categoria1__Notizie
Data__18/02/2015
Data__2015

Riserva Naturale della Tenuta dell’Acquafredda

La Riserva Naturale della Tenuta dell’Acquafredda (gestita da RomaNatura) si estende su di una superficie di 250 ettari nel settore occidentale della città, subito a ridosso del Grande Raccordo Anulare. Si tratta di una riserva, non molto estesa, caratterizzata dalla presenza di diverse aziende agricole di piccole e medie dimensioni circondate da quartieri densamente abitati, quali Boccea, Primavalle e Montespaccato.
Oltre alle aree agricole sono presenti anche biotopi con limitate formazioni arboree a querce, tra le quali ricordiamo la Sughera (Quercus suber) e lungo i versanti più ripidi e le spallette che scendono verso i fondovalle è presente un’ampia varietà di specie vegetali, quali l’Olmo (Ulmus minor), il Prugnolo (Prunus spinosa), il Biancospino (Crataegus monogyna), la Rosa selvatica (Rosa canina) e la Ginestra odorosa (Spartium junceum).
Mentre lungo il Fosso dell’Acquafredda e il Fosso di Montespaccato, corsi d’acqua che caratterizzano la riserva e che confluiscono più a valle nel Fosso della Magliana, si rinvengono specie più legate alle zone umide, quali Salici bianchi (Salix alba) e Cannucce di palude (Phragmites australis). Lungo le sponde di tali corsi d’acqua si possono osservare, oltre alla Rana
verde (Rana esculenta complex), alla Biscia dal collare (Natrix natrix) ed alla Volpe (Vulpes vulpes), numerosi uccelli tipici degli ambienti umidi, come l’Airone cenerino (Ardea cinerea), la Folaga (Fulica atra), la Gallinella d’acqua (Gallinula chloropus), l’Usignolo di fiume (Cettia cetti) e il Pendolino (Remiz pendulinus).
All’interno della rete ecologica cittadina questa area protetta riveste un ruolo importante del settore occidentale della città, in quanto rappresenta il collegamento tra la riserva dell’Insugherata, le aree agricole di Casal del Marmo e la Riserva Naturale della Tenuta dei Massimi.

 

 

 


Invia questo articolo