Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Dipartimento tutela ambientale
Categoria1__Notizie
Data__19/02/2015
Data__2015

Parco Naturale Regionale di Veio

Il Parco Naturale Regionale di Veio si estende per 15.000 ettari, dei quali 6.000 ricadenti nel territorio di Roma Capitale, nel settore settentrionale della città e rappresenta un importantissimo corridoio ecologico di elevato valore ambientale e storico-archeologico, delimitato ad Est ed Ovest dai crinali percorsi rispettivamente dalla Via Flaminia e dalla Via Cassia.

Questa area protetta è caratterizzata da spazi naturali-seminaturali e spazi antropici prevalentemente agrari ed urbani, dove la vegetazione è spesso costituita da specie coltivate ed essenze ornamentali. Negli spazi naturali e seminaturali sono presenti formazioni boschive a dominanza di Querce caducifoglie, quali Farnia (Quercus robur), Roverella (Quercus pubescens) e Farnetto (Quercus frainetto) ed arbustive a dominanza di Biancospino (Crataegus monogyna), Corniolo (Cornus sanguinea) e Alaterno (Rhamnus alaternus).

Il Parco rappresenta un'area di notevole valore da un punto di vista faunistico. Tra i mammiferi più interessanti presenti ricordiamo numerosi mustelidi quali la Faina (Martes foina), la Martora (Martes martes), la Donnola (Mustela nivalis) ed il Tasso (Meles meles); diffusa è la Volpe (Vulpes vulpes) mentre più raro risulta l'Istrice (Hystrix cristata). Particolarmente ricca è l'erpetofauna, con il Biacco (Hierophis viridiflavus), la Vipera (Vipera aspis), il Saettone (Elaphe longissima), il Cervone (Elaphe quatuorlineata), che giustificano la presenza di numerosi rapaci: il Nibbio bruno (Milvus migrans), la Poiana (Buteo buteo) osservabile per lo più in zone aperte, lo Sparviero (Accipiter nisus) in zone boscate, l'Albanella minore (Circus pygargus) che nidifica nelle zone erbose e coltivate, molto comune infine è il Gheppio (Falco tinnunculus).


Invia questo articolo