Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Attualità
Categoria1__Notizie
Data__02/04/2015
Data__2015

LGBT, Giunta approva piano sostegno e lotta a discriminazioni

lgbt

Roma, 2 aprile – Approvato dalla Giunta capitolina il piano LGBT. “L’Amministrazione capitolina”, commenta l’assessora Alessandra Cattoi (Patrimonio, Politiche UE, Comunicazione e Pari Opportunità), “sancisce così definitivamente che Roma è la capitale dei diritti non solo in momenti cruciali – come quando si sono trascritti matrimoni contratti all’estero tra persone dello stesso sesso o si è istituito il Registro delle Unioni civili – ma anche ogni giorno, con una serie di misure concrete per garantire la piena cittadinanza delle persone LGBT e per favorire un clima sociale rispettoso delle differenze”.

 

“Il piano”, spiega Cattoi, “si applica in diversi ambiti che vanno dalla ricerca alla formazione del personale capitolino per sviluppare competenze teoriche e pratiche sui temi delle differenze di genere, di orientamento affettivo e sessuale e sulle nuove configurazioni familiari”.

 

Sul versante dei servizi c’è “la helpline per segnalare episodi di omofobia e avere supporto psicologico” e “il sostegno all’inserimento lavorativo delle persone transessuali”. Non manca l’attenzione agli aspetti ludici e culturali, con un ampio ventaglio di opportunità: “un’app dedicata al turismo, tornei sportivi negli impianti comunali, rassegne ed eventi culturali in occasione – ad esempio – della Giornata Internazionale contro l’Omofobia o della Settimana Rainbow.

 

Le misure del piano, sottolinea Cattoi, “verranno realizzate in collaborazione con istituzioni nazionali, associazioni locali e università”. E questo “perché crediamo che la condivisione delle nostre azioni sui temi LGBT sia fondamentale per combattere ogni discriminazione, permettendo ad ogni persona il pieno accesso ai diritti civili”.

 

2 APR 2015 – RED
 


Invia questo articolo