Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Informazioni dagli Uffici
Categoria1__Notizie

CONSULTA PER LE POLITICHE INTERCULTURALI E PER L'INCLUSIONE

Roma, 1 luglio 2015  -   Con DCM n 15 del 12 marzo 2015 è stata istituita la CONSULTA PER LE POLITICHE INTERCULTURALI E PER L’INCLUSIONE.

La Consulta svolgerà una funzione consultiva nei confronti della Giunta e del Consiglio del Municipio Roma I Centro e di promozione di iniziative volte a mettere in rete le Comunità, gli Organismi e le Associazioni di cittadini stranieri e italiani che si interessano di intercultura,e inclusione, a di assistenza legale ed aiuto nell'espletamento delle pratiche burocratiche dirette  favorire la partecipazione dei cittadini stranieri alla vita politico - amministrativa e associativa del Municipio, ad attivare servizi di assistenza legale e nell'esperimento di tutte le formalità amministrative finalizzate ad ottenere il rilascio o il rinnovo di permessi di soggiorno ed altri documenti.

Per iscriversi alla Consulta è necessario presentare entro il 30 luglio ed entro il 31 dicembre di ciascun anno solare, tramite il Protocollo del Municipio, nelle sedi di Circonvallazione Trionfale 19 o via Petroselli 50 , una regolare domanda alla Presidente del Municipio Roma I Centro, allegando la documentazione prevista. 

 

 

La documentazione richiesta per l'iscrizione è la seguente:

 

Le Associazioni dovranno produrre


• Statuto o Atto Costitutivo in copia autentica, ovvero fotocopia visionata e vistata dagli Uffici Amministrativi con indicazione del Presidente e/o Legale Rappresentante o della persona da lui/lei delegata a partecipare alla Consulta
• Una scheda sintetica riportante l’attività svolta sul territorio municipale che comprovi
l’effettivo impegno da almeno un anno nel settore dell’intercultura

 

I privati dovranno produrre


• idonea documentazione attestante la cittadinanza straniera e il regolare permesso di soggiorno in Italia,
• oppure, per i cittadini italiani, adeguata documentazione che attesti una qualifica professionale o un curriculum formativo e/o lavorativo inerente il tema dell’ intercultura .

Le domande verranno esaminate da un’apposita commissione che ne delibererà l’ammissione.

Nella prima seduta pubblica la Consulta eleggerà il Presidente e Vicepresidente.
 


Invia questo articolo