Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Gestione dei rifiuti
Categoria1__Notizie
Data__20/11/2015
Data__2015

Discariche rifiuti inerti

Il rilascio delle autorizzazioni alla realizzazione e alla messa in esercizio delle discariche per rifiuti inerti lapidei provenienti da attività di demolizione e costruzione richiamati nella tab. 1 del D.M. 27 settembre 2010, nel territorio di è, ai sensi della L.R. 27/1998 e della D.G.R. 239/08, di competenza di Roma Capitale.
Il rilascio delle autorizzazioni alla realizzazione e all’esercizio delle discariche che ricevono anche altri rifiuti inerti rimane in capo alla Regione.
 

Il D. Lgs. n. 36/2003 recante “Attuazione della Direttiva n. 1999/31/Ce relativa alle discariche di rifiuti” è la norma di riferimento in materia di discariche di rifiuti.
Tale decreto ha introdotto un nuovo sistema di classificazione delle discariche, che sono ridotte a tre categorie e, precisamente:


discariche per rifiuti inerti;
• discariche per rifiuti non pericolosi;
• discariche per rifiuti pericolosi.

 

I criteri di ammissibilità in discarica dei rifiuti, conseguenti al nuovo sistema di classificazione, sono definiti dal D.M. 27 settembre 2010 , recante “Definizione dei criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica”, emanato in applicazione a quanto disposto dall’art. 7, comma 5, del decreto legislativo sopra menzionato.


Il D. Lgs. n. 36/2003, all’art. 2, comma 1, lett. e) definisce i rifiuti inerti come “i rifiuti solidi che non subiscono alcuna trasformazione fisica, chimica, biologica significativa; i rifiuti inerti non si dissolvono, non bruciano né sono soggetti ad altre reazioni fisiche o chimiche, non sono biodegradabili e, in caso di contatto con altre materie, non comportano effetti nocivi tali da provocare inquinamento ambientale o danno alla salute umana. La tendenza a dar luogo a percolati e la percentuale inquinante globale dei rifiuti, nonché l’ecotossicità dei percolati devono essere trascurabili e, in particolare, non danneggiare la qualità delle acque, superficiali e sotterranee”.


I criteri ammissibilità in discarica per rifiuti inerti sono dettati dall’articolo 5 del D.M. 27 settembre 2010 , il quale stabilisce che il conferimento di rifiuti in discariche per “inerti” è consentito a quelle tipologie di rifiuti che, oltre a ricadere nella definizione di rifiuti inerti di cui sopra, abbiano caratteristiche di “qualità ambientale” compatibili con la specifica tipologia di discarica.


Il procedimento autorizzatorio:


L’autorizzazione alla realizzazione ed alla gestione delle discariche per rifiuti inerti è acquisita ai sensi dell’articolo 208 del D. Lgs. n. 152/2006 . Qualora la discarica sia sottoposta alla procedura di valutazione di impatto ambientale ai sensi della normativa vigente, alla domanda è altresì allegata la comunicazione del progetto all'autorità competente ai predetti fini.


 


Invia questo articolo