Segnala

Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Assessorato alle Infrastrutture

Rafforzare e stimolare l'introduzione di innovazioni tecnologiche e procedurali nonché dare la giusta attenzione all'aggiornamento delle competenze professionali indispensabili per migliorare la qualità del lavoro e quindi i risultati attesi.

Sviluppare una gestione trasparente, partecipata, ispirata ai principi di legalità, economicità ed efficienza sono questi gli obiettivi dell’amministrazione capitolina in tema di infrastrutture come da linee programmatiche 2016-2021 della Giunta Raggi.

L’amministrazione concentrerà i primi sforzi nell'impianto di un sistema di digitalizzazione avanzata per la creazione di un data warehouse globale che consenta la valutazione puntuale delle performance al fine di definire i bisogni e costruire le azioni più idonee ed offrire la trasparenza più ampia e comprensibile per i cittadini.

Gli appalti, così, oltre ad essere in grado di far avvicinare l'offerta alla domanda, dovranno anche conseguire gli obiettivi ambientali, attraverso l'inserimento nei documenti di gara delle specifiche tecniche e delle clausole contrattuali contenute nei decreti ministeriali sui CAM.

In particolare l’azione sarà indirizzata a realizzare tecniche innovative per la manutenzione delle strade e l’edilizia scolastica, puntando all'introduzione di nuovi materiali, alla costruzione in bioedilizia e all’efficientamento energetico di immobili e istituti del patrimonio di Roma Capitale e alla riqualificazione in chiave moderna di luoghi di interesse.

 

In sintesi, viene rivolta grande attenzione:

  • alle scelte che privilegino l'efficienza energetica e la compatibilità ecologica, quali le tecniche di bioedilizia, la valutazione ambientale dei prodotti e dei materiali utilizzati e l'ammodernamento del parco impiantistico negli immobili di Roma Capitale;
  • all'introduzione della logica BIM nelle procedure di appalto di lavori pubblici, per una maggiore controllabilità dei risultati e di gestione delle opere;
  • ai programmi Europei che possono favorire l'innovazione tecnologica e la realizzazione di esperienze pilota con fondi dedicati;
  • alla trasparenza delle procedure e al massimo coinvolgimento dei territori e dei cittadini;
  • alla evoluzione del sistema di cofinanziamento delle opere pubbliche verso una maggiore capacità di investimento anche da parte di soggetti privati tramite la finanza di progetto e le sponsorizzazioni;
  • alla stipula di Protocolli di Intesa e Accordi di Collaborazione con Organismi di Ricerca e Associazioni di Settore.
Ti potrebbe interessare anche
Torna all'inizio del cotenuto