Segnala

Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

"Open House", Roma vista dall'interno


Tematica: Cultura - Iniziative ed Eventi - Casa e Urbanistica

11-12.5.2019

 

Proliferano in televisione, seguitissimi, i programmi dedicati all’abitare. Lecito dunque attendersi un successo pari o superiore a quello delle passate edizioni, per questa Open House 2019 (l’ottava), due giorni – sabato 11 e domenica 12 maggio – in cui nelle case di Roma si entra fisicamente. Case storiche e attuali, in centro e in periferia, real estate e case popolari d’oggi e di ieri, edifici pubblici e privati. Gioielli scaturiti dalla mente di architetti di fama per committenti ricchi e colti, come pure il travaglio dei grandi edifici produttivi dismessi, rinati come città-albergo degli ultimi e nuovamente dismessi.

 

Insomma Open House squaderna Roma in tutta la sua prismatica, elusiva molteplicità e nel suo tortuoso divenire storico. Il tutto visto sulla scala dell’unità urbana minima – la casa – e in larga misura dall’interno, nella dimensione domestica (e infatti Rooms si chiama la parte più corposa del programma).  Circa duecento interni romani da visitare gratis e con guida, scoprendo l’altra faccia della luna: quella dietro le quinte, a volte coerente con la faccia visibile (i prospetti esterni), altre volte incoerente e perfino dissonante. Per scoprire, o riscoprire, che l’Urbe è la capitale europea del divenire, il posto in cui più che altrove nulla si elimina e tutto si ri-crea, la metropoli che si ridefinisce per accumulo e reimpiego assai più che per virtù di grandi piani unitari con le cesure che essi impongono (come invece fu tipico di Parigi) .

 

E forse proprio questo antico carattere (tuttora vivo e vegeto), fuso con la magnificenza delle sue vestigia, fa di Roma un unicum. Che sia Palazzo Salviati, la Casa dei Crescenzi o l’ex Pantanella, qui – come amano dire i romani – “non si butta niente” e nulla si presume definitivo. Open House dà conto di questo mainstream romano. Esempio, le visite a Portonaccio e Pietralata, dove baracche e palazzi di cui non si riesce neanche a chiarire la destinazione d’uso d’origine (opifici? appartamenti?) diventano atelier e centri culturali spontanei. Come pure dà conto delle eccezioni, degli stili talmente connotati da rendersi indisponibili alla trasformazione: esempi, il liberty sulla Nomentana da Porta Pia a piazza Sempione e certa modernità come quella del “radicalismo” anni ’70 alla Camilluccia.

 

Open House, insomma, non è solo una grande mostra diffusa dell’edilizia romana dall’antico all’oggi: è uno strumento per capire meglio Roma e le sue peculiarità. Inserita nel circuito di Open House International, vede tra gli enti organizzatori Roma Capitale (Assessorato Crescita Culturale).

 

Tutto sulla due giorni consultando il sito ufficiale.

 

PV       

Torna all'inizio del cotenuto