Casa Digitale del Cittadino
Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Domanda di esenzione TARI per l'anno 2022

31-mar-2022

Il Regolamento per l’applicazione della tassa sui rifiuti (TA.RI.), all’art. 17, prevede la possibilità di richiedere l’esenzione a favore di particolari categorie di cittadini.

 

Requisiti per l'ammissione della domanda:

- il richiedente deve occupare/condurre l'abitazione per la quale chiede l’esenzione a titolo di abitazione principale;

- il richiedente deve essere intestatario della TARI riferita all’abitazione/utenza per la quale chiede l’esenzione; se l’utenza non è stata ancora dichiarata, deve presentare ad AMA S.p.A. la dichiarazione di iscrizione alla TARI, secondo le modalità indicate nelle Informazioni di servizio;

- il richiedente deve essere in possesso di un valore dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) ordinario (determinato ai sensi del DPCM n. 159/2013) non superiore a € 6.500,00;

- il richiedente non deve avere debiti concernenti la Tassa sui rifiuti o la Tares maturati alla data del 31 dicembre dell’anno precedente a quello di applicazione dell’esenzione.

 

La domanda di esenzione dal pagamento della TARI deve essere inoltrata, entro il 31 marzo dell’anno in cui spetta l’agevolazione, attraverso i seguenti canali:

- personalmente dall’interessato, previa identificazione ai servizi on line di Roma Capitale;

- attraverso gli intermediari giuridici (centri di assistenza fiscale, commercialisti, etc.).

 

Gli utenti persone fisiche abilitati al portale e gli intermediari giuridici per conto dei loro assistiti fisici, trovano l’apposita funzionalità accedendo alla sezione “Servizi Tributari”, disponibile fra l’elenco dei Servizi on-line.

 

ATTENZIONE: Coloro che hanno già presentato la richiesta di esenzione per l’annualità 2021, ed i requisiti prescritti sussistono anche per il 2022, non devono ripresentare la domanda ma entro il 31 marzo devono essere in possesso dell’attestazione ISEE in corso di validità.

L’attestazione ISEE non deve essere inoltrata a Roma Capitale, né ad AMA S.p.A., in quanto, i dati dell’ISEE sono conoscibili dall’Amministrazione mediante la consultazione della banca dati INPS. 

 

MAGGIORI INFORMAZIONI QUI    

Torna all'inizio del cotenuto