Casa Digitale del Cittadino
Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Disabilità gravissima, al via le domande per l’assegnazione di contributi economici

1-lug-2022

Le richieste per l’assegno o contributo di cura possono essere presentate in qualsiasi momento ai Servizi Sociali o P.U.A. del proprio Municipio.

 

Riaprono le domande per l’erogazione dei contributi economici finalizzati a garantire alle persone con disabilità gravissime fisiche, psichiche o sensoriali il benessere e la qualità della vita, attraverso la loro permanenza nel proprio ambiente familiare. Dal 1 luglio 2022 e in qualsiasi momento dell’anno, i cittadini interessati possono rivolgersi al Municipio di residenza per richiedere uno dei seguenti sostegni:

 

Assegno di cura:  varia da Euro 500,00 a Euro 800,00 mensili ed è finalizzato a compensare le spese per personale qualificato, scelto dall’interessato o dalla famiglia attraverso un regolare rapporto di lavoro (forma indiretta) o attraverso gli operatori di Organismi accreditati nel territorio di residenza per l'assistenza domiciliare (forma diretta).

Contributo di cura: varia da Euro 400,00 a Euro 700,00 mensili per le persone con disabilità gravissima assistite dal caregiver familiare. 

 

Per presentare domanda occorre allegare all’apposita modulistica:

- la certificazione del medico specialista di struttura pubblica;
- l’autocertificazione che la persona affetta da disabilità gravissima non sia ricoverata, a tempo  indeterminato, presso una struttura residenziale o semi-residenziale;
 - l’ISEE ordinario;
 - l’ISEE per prestazioni agevolate di natura sociosanitaria;

- documento di identità e Tessera sanitaria della persona con disabilità e di chi presenta la domanda;

- invalidità ed indennità di accompagno;

- riconoscimento Legge 104/92 - art.3 comma 3.

Il beneficio viene riconosciuto agli utenti in base all’ordine cronologico di presentazione della domanda, compatibilmente con le risorse disponibili.

 

Gli utenti già in carico o in lista di attesa nelle graduatorie esistenti non devono ripresentare la domanda, ma sono tenuti a contattare il Segretariato Sociale/PUA per un aggiornamento della propria posizione solo in caso di:

- scelta di una diversa modalità di assistenza;

- attivazione di ulteriori servizi e prestazioni sociali;

- indicazione di un diverso caregiver e/o cambiamento dello stato anagrafico del caregiver;

- nuova attestazione ISEE;

- attestazione dell’aggravamento della compromissione funzionale.

 

 

Per maggiori informazioni e per la modulistica vai alla pagina dedicata

Torna all'inizio del cotenuto