La Capitale e i suoi gatti, un legame millenario

Tematica: Ambiente - Alla scoperta di Roma

30 giugno 2023

 

Gatti_roma.jpeg

 

 

I gatti di Roma sono gatti letterati: si radunano soltanto nei luoghi più celebrati.
Al Pantheon ed al Foro, incuranti dei turisti, fanno i loro concerti quei nobili musicisti.
Sono poveri e spelacchiati, e se la passano male, ma restano pur sempre i gatti della Capitale.
[…]
Ma i romani de Roma sanno la verità, e vogliono molto bene ai gatti di città.
Tu li vedi portare cartocci e cartoccetti con gli avanzi di cucina ai loro prediletti
[…]”.

 


 
Così Gianni Rodari, romano d’adozione, descriveva i gatti di Roma nei versi composti per l’opera, uscita postuma, che il grande scrittore e pedagogo aveva deciso di dedicare ai felini. Sono parole che ben descrivono il rapporto di Roma con i suoi mici, da sempre raccontati nelle opere degli artisti più legati al cuore della città, da Trilussa a Gioacchino Belli, entrambi maestri nell’utilizzare gli stereotipi legati ai gatti nell’immaginario collettivo come metafore dei difetti e dei vizi tipici dell’uomo stesso.
 
Ma quanto fosse speciale il rapporto di Roma con i gatti era chiaro fin dall’età imperiale, epoca in cui il felino veniva considerato un animale sacro, fedele compagno sia nella vita terrena che ultraterrena. Per questo molti cognomi della Roma Antica prendevano spunto dalla parola cattus, per l’appunto gatto in latino. Un legame tramandato anche nel culto della dea Iside, protettrice degli animali e dei gatti in particolare, a cui erano dedicati molti templi in giro nell’impero.

 

 

 

Gatto.jpeg
 

 

 

È dunque millenario il legame di Roma con i propri gatti, come ci racconta Carla Rocchi, antropologa, presidente dell’ENPA – Ente Nazionale Protezione Animali e grande amante dei felini. “Il legame dei gatti con Roma è molto antico – racconta – tant’è che in una delle colonie più antiche della città, quella dei Mercati di Traiano, una decina d’anni fa sono stati ritrovati dei resti databili al carbonio 14 risalenti al 400 d.c, ciò significa che lì è presente una colonia da 1600 anni”.
 
Dunque, quella presente ancora oggi a Roma è una lunga dinastia di gatti che si perpetua, e che ha scelto per la propria stanzialità i luoghi storici più belli e significativi della città, da Torre Argentina, il luogo simbolo dell’uccisione di Cesare, al Colosseo, alla Piramide, solo per citare le colonie più antiche e numerose. Così come è significativa la presenza di gatti nei luoghi del riposo, su tutti la grande colonia del cimitero del Verano.
Oggi sono oltre 5mila le colonie feline censite dalle Asl nella Capitale, alcune in luoghi insospettabili come, ad esempio, l’Università “La Sapienza”, dove un insediamento di gatti è diventato oggetto di un provvedimento di tutela da parte del Rettore.

 

 

 

Gattone_Largo_Argentina.jpg
 

 

Colonie che, con un recente provvedimento di Roma Capitale, potranno intraprendere un percorso di certificazione che le riconosceranno ufficialmente come luoghi protetti. Le prime due colonie a ricevere la targa del Comune di Roma direttamente dal Sindaco Roberto Gualtieri e dall’assessora all’Ambiente Sabrina Alfonsi sono state, simbolicamente, quelle di Torre Argentina e di Piramide.

 

 

Gatti_piramide.jpeg
 

 

 

Ultima curiosità quella sull’origine del termine ‘gattara’, parola nata a Roma a indicare, come ci racconta Rocchi, non una persona ma un luogo, e cioè quello che Papa Innocenzo aveva destinato alla raccolta dei mici randagi. “Erano soprattutto le donne a prendersi cura di quei gatti – aggiunge la presidente di ENPA -, da questo le signore prendono il nome di ‘gattare’. C’è sempre stata una forte connessione tra la donna e i gatti, perché il gatto è sempre stato considerato simbolo di una indipendenza da osteggiare, tant’è che nei roghi delle donne considerate streghe il più delle volte c’era anche un gatto”.

 

 

 

GattidiRoma.jpeg
 

 

Ma la vera ragione del legame speciale tra i gatti e Roma, è l’opinione di Carla Rocchi, sta nel fatto che il gatto somiglia ai romani più di ogni altro animale, perché “è sornione, intelligente furbo e rimedia sempre una lisca. Dunque, il carattere dei romani si rispecchia nel carattere del gatto”.
 
Un dato che trova conferma nel leggendario episodio con protagonista Anna Magnani, considerata la più grande gattara di Roma, che da via dei Baullari, dove risiedeva, andava di persona a dare da mangiare ai gatti di Torre Argentina.
Una volta le chiesero: “Signora Magnani, ma perché ce va de persona? Mandi la cameriera”. “E no – fu la risposta - loro devono vedere la Magnani che dà da mangiare ai gatti, e non la cameriera”.

 

 

 

AnnaMagnani_gatti.jpeg

 

 

 

Nota di redazione: per questa puntata della rubrica "Alla Scoperta di Roma" ringraziamo tutte le "gattare" di Roma, tutte le associazioni che si occupano di animali e quelle che da decenni ormai si prendono cura delle colonie feline che l'Amministrazione capitolina sta iniziando a certificare.

 

Le immagini che accompagnano l'articolo sono tratte dai siti delle associazioni che si prendono cura dei gatti ogni giorno. 

gattidiroma.net

igattidellapiramide.it

 

 

 

 

GLI ALTRI ARTICOLI DELLA RUBRICA

 

I segreti di Palazzo Senatorio 

 

Le Scuole d'Arte e dei Mestieri si mettono in mostra

 

La Capitale della biodiversità: i dati

 

Casa del Parco e Fabrizio Giovenale. La primavera delle biblioteche all'aperto

 

Open House Roma, 9 anni di straordinaria apertura

 

Dietro le quinte del Teatro dell'Opera: il deposito dei costumi 

 

Tradizionale fioritura di azalee a piazza di Spagna

 

In bici da Ponte Milvio a Castel Giubileo: finiti i lavori di riqualificazione

 

Il Bioparco, 122 anni di storia a Villa Borghese

 

Serra Moresca, la "piccola Alhambra"

 

Viaggio nel tempo, gli orologi del Campidoglio

 

Centrale Montemartini, tra mosaici mai visti, opere in viaggio e attività per ragazzi

 

Natale di Roma: il 21 aprile riapre il Roseto comunale

 

 

RED

Torna all'inizio del cotenuto Gestione Preferenze Cookie