La Casina delle Civette, un villino da favola nel cuore di Roma

Tematica: Cultura - Alla scoperta di Roma

15 settembre 2023

 

 

Civette.jpg

 

Un villino che sembra uscito da una fiaba di Walt Disney o da un racconto di Tolkien, intriso di fascino e mistero, con stili diversi che si intrecciano e sovrappongono creando un’atmosfera unica e inconfondibile. La Casina delle Civette, all’interno di Villa Torlonia, è uno dei tanti gioielli della capitale da scoprire e apprezzare in tutta la sua bellezza e particolarità.

 

Il nome è legato alle numerose decorazioni di civette, sia nelle vetrate sia nelle maioliche, tema ricorrente voluto dal principe Giovanni Torlonia che ne fece il suo rifugio personale dal 1908 al 1938 trasformando completamente l’impianto originario dell’edificio, ideato nel 1840 da Giuseppe Jappelli su commissione del principe Alessandro Torlonia. Il villino, infatti, si presentava inizialmente rustico con interni dipinti a tempera ed esterni a bugne di tufo. Conosciuta come “la Capanna Svizzera” per via dell’aspetto simile a quello di un rifugio alpino, costituiva in origine un luogo di evasione rispetto alla residenza principale e ufficiale, nel Casino Nobile.

 

A inizio Novecento, per volere del principe Giovanni Torlonia, nipote di Alessandro, iniziarono i primi cambiamenti con l’introduzione di grandi finestre, loggette, colonnine, porticati, torrette, tetti con maioliche colorate e vetrate in stile liberty che contraddistinguono la Casina e sono uniche nel panorama internazionale. Questa ristrutturazione stravolse totalmente la vecchia architettura portando anche al cambiamento del nome: “La Casina delle Civette”, animale scelto dal principe proprio per il suo significato esoterico, espressione per i greci e i romani della saggezza e della sapienza (la dea Atena, ad esempio, è spesso rappresentata con una civetta su una spalla), ma anche simbolo di chiaroveggenza, sfortuna e morte. All’interno del villino c’è addirittura una stanza dedicata a questo rapace notturno, impreziosita da bellissime vetrate decorate con l’animale stilizzato appollaiato tra tralci d’edera (opera realizzata nel 1918 da Duilio Cambellotti, uno dei maestri dell’epoca in quest’arte), ma la civetta appare già sopra l’uscio dell’entrata.

 

La Casina, durante la seconda guerra mondiale fu praticamente distrutta durante l’occupazione delle forze anglo-americane e, dopo anni di degrado e abbandono, nel 1977 fu acquisita dal Comune di Roma e aperta al pubblico nel 1978. Dopo esser stata ulteriormente danneggiata da un incendio nel 1991, il Campidoglio decise di avviare, nel 1992 un lungo e complesso progetto di restauro che durò fino al 1997.

 

 

L’INTERNO

 

Le vetrate, per la loro bellezza e ricchezza cromatica, sono indubbiamente il segno distintivo della parte interna dell’edificio. Nate tutte nel laboratorio del maestro Picchiarini, tra il 1908 e il 1930, ad opera di Cambellotti, Bottazzi, Grassi e Paschetto, rappresentano la massima espressione dello stile liberty a Roma. Lungo il percorso si possono ammirare 54 vetrate restaurate e ricollocate al loro posto originario; 18 vetrate acquisite ed esposte su dei supporti (ad esempio “i Pavoni” di Cambellotti)105 bozzetti e cartoni preparatori. Una raccolta unica nel suo genere.

 

8.jpg

 

Il percorso espositivo, su due piani, si snoda in varie sale  riccamente decorate a partire dal lampadario in ferro battuto a forma di Fenice, simbolo dell’eternità. Dalla Stanza da pranzo, caratterizzata da boiseries su tutte le pareti, al Bagno del Principe, dove ci sono delle bellissime maioliche policrome, dalla Stanza dei ciclamini, così chiamata per il pavimento in marmette di graniglia di cemento con disegni di ciclamini, alla Stanza del Chiodo la cui denominazione deriva dalla grande vetrata opera di Duilio Cambellotti, passando per le stanze della torretta, delle rondini, degli ospiti, del Principe, il salottino dei satiri e delle 24 ore e il fumoir.

 

 

Un passaggio coperto in legno collega la Casina delle Civette alla Dipendenza, edificio inizialmente destinato alle abitazioni del personale e alle stalle per gli animali da tiro, che ora ospita la Biblioteca delle Arti Applicate, ambienti destinati ad attività culturali e gli uffici del personale del museo.

Su uno schermo al primo piano del della Casina vengono proiettate foto, disegni originari, cartoni preparatori e bozzetti che ripercorrono la storia e l’evoluzione architettonica dell’edificio e danno bene l’idea dei cambiamenti strutturali e della vasta opera di recupero intrapresa per restituire a cittadini e turisti questo bellissimo luogo, nel cuore di Roma, che si può visitare dal martedì alla domenica, dalle ore 9 alle 19 (costo del biglietto 6 euro, ridotto 5).

 

 

L'elenco delle principali attività didattiche:

 

- Visite aMICi: Visite guidate periodiche dedicate ai possessori della MIC card, a cura della responsabile del museo con approfondimenti sull'architettura e sulle arti applicate alla Casina delle Civette.

- Visite per le Giornate Europee del Patrimonio (23/9/2023): Patrimonio culturale immateriale per il futuro della La Casina delle Civette.

- Visite Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo (8/10/2023): La Casina delle Civette per tutti: accessibilità e inclusione.

- Visite Le Ville raccontano: dalla Capanna Svizzera alla Casina delle Civette di Villa Torlonia.

- Visite per accessibilità: visita guidata tattile-sensoriale, La Casina delle meraviglie di Villa Torlonia.

- Visite per la Giornata Mondiale dell'Adolescenza (20/11/2023): La Casina delle Meraviglie: storie segrete di animali fantastici.

 

Per effettuare le visite è obbligatoria la prenotazione:  tel. 060608 (tutti i giorni ore 9.00- 19.00); email: info@060608.it 

 

 

A.B.

 

 

Galleria fotografica

 

 


GLI ALTRI ARTICOLI DELLA RUBRICA

 

(Quasi) tutti gli obelischi arrivavano a Roma 

Le statue parlanti: gli “eroi” che divennero la voce del popolo

MIC Card, oltre 330mila tessere acquistate: la cultura crea indipendenza

Piazza Pia, i Giubilei e le trasformazioni dal Quattrocento a oggi

Su il sipario, come nascono le scenografie del Teatro dell'Opera

Area Sacra Largo Argentina, un cammino nella Storia 

Isola Farnese, il borgo delle favole a Roma

La Capitale e i suoi gatti, un legame millenario

I segreti di Palazzo Senatorio, un gioiello nel cuore della città

Le Scuole d'Arte e dei Mestieri si mettono in mostra

La Capitale della biodiversità: i dati

Casa del Parco e Fabrizio Giovenale. La primavera delle biblioteche all'aperto

Open House Roma, 9 anni di straordinaria apertura

Dietro le quinte del Teatro dell'Opera: il deposito dei costumi 

Tradizionale fioritura di azalee a piazza di Spagna

In bici da Ponte Milvio a Castel Giubileo: finiti i lavori di riqualificazione

Il Bioparco, 122 anni di storia a Villa Borghese

Serra Moresca, la "piccola Alhambra"

Viaggio nel tempo, gli orologi del Campidoglio

Centrale Montemartini, tra mosaici mai visti, opere in viaggio e attività per ragazzi

Natale di Roma: il 21 aprile riapre il Roseto comunale

 

 

 

 

 

Torna all'inizio del cotenuto Gestione Preferenze Cookie