Le meravigliose fontane di Lombardi

Tematica: Cultura - Alla scoperta di Roma

15 marzo 2024

 

 

Negli anni ‘20 Roma si arricchì di fontane in travertino dedicate ai nuovi rioni del centro storico. Suggestive e scenografiche sono, per la maggior parte, ancora oggi al loro posto.

 

Ciascuna richiama il nome del rione in cui è collocata o le attività che vi venivano svolte e tutte sono preziose testimonianze da ammirare per la loro semplice e caratteristica bellezza.

 

A seguito della definizione di 22 rioni romani, l’Ufficio Antichità e Belle Arti del Governatorato di Roma bandì, nel 1924, un concorso per la loro realizzazione. Lo vinse l’architetto Pietro Lombardi. Lo stesso che successivamente avrebbe progettato anche le scenografie di Quo Vadis, il kolossal realizzato a Cinecittà negli anni in cui Roma era definita la Hollywood sul Tevere.

 

Delle 11 realizzate una è andata distrutta durante il bombardamento di San Lorenzo ed una seconda, originariamente collocata a Borgo e di cui si erano perse le tracce, è stata ricollocata negli anni ’60 in zona Tomba di Nerone.

 

 

1.collage.fontane.dettagli.jpg

 

 

La Fontana delle Anfore, la più monumentale, si trova al centro della piazza di Testaccio. Realizzata nel 1927, orna una delle due grandi piazze del rione che prende il nome dal Mons Testaceus, oggi Monte dei cocci, formato dai resti delle anfore (testae in latino).

 

Qui anticamente si trovava l'Emporium, l’antico porto edificato nel 193 a.C. dove attraccavano le navi cariche olio e vino provenienti dai porti del mediterraneo. I contenitori non riutilizzati venivano gettati via e i cocci costituirono nel tempo una collina formata, pare, dai resti di circa 53 milioni di anfore.

 

 

2.FontanaAnfore.jpg

 

 

Al di là di Ponte Sublicio, sull’altra sponda del Tevere sorgeva invece l’antico porto di Ripa Grande. Qui la Fontana del Timone evoca le attività nautiche che vi venivano svolte. Ancora oggi si trova ai piedi del grande complesso del San Michele, nei pressi della Porta Portese.

 

Inoltrandosi tra le caratteristiche viuzze di Trastevere, in via della Cisterna, dietro piazza San Callisto, si incontra la Fontana della Botte ispirata al florido commercio di vino in un rione da sempre caratterizzato dalle tante trattorie.

 

In piazza San Marco, la bella Fontana della Pigna guarda l’Altare della Patria dissetando turisti e romani. Evoca il nome del rione in cui si trova che, però, è legato ad un’altra pigna, ben più grande di questa, rinvenuta nei pressi di Campo Marzio. Oggi la monumentale pigna in bronzo - alta 4 metri e realizzata nel II secolo dopo Cristo - si può ammirare nel cortile del Belvedere dei Musei Vaticani.

 

 

3.collage.Fontanebotte.pigna.monti.jpg

 

 

La Fontana dei Libri è un piccolo gioiello incastonato in via degli Staderari, traversa di Corso del Rinascimento. I tomi poggiati sulle mensole ricordano la presenza dell’università La Sapienza mentre la testa di cervo - presente anche nello stemma del rione Sant’Eustachio - ricorda la storia del santo che si convertì al cristianesimo all’apparizione di un cervo con una croce tra i palchi.

 

Nei pressi di piazza di Spagna, la Fontana delle Arti impreziosisce via Margutta strada un tempo famosa per le tante botteghe di artisti e pittori. Nel cuore del rione Campo Marzio dove hanno abitato artisti internazionali come Picasso, l’architetto Lombardi rende omaggio alle arti riproducendo pennelli, cavalletto, sgabelli e maschere teatrali.

 

 

4.collage.Fontanearte.tiare.libri.jpg

 

 

Altre due fontane del Lombardi si possono ammirare a Borgo. La Fontana delle palle di cannone, ispirata al fortilizio di Castel Sant’Angelo, è formata da una piramide di sfere dalle quali emerge un volto che getta l'acqua. Si trova in via di Porta Castello dove è stata ricollocata dopo la demolizione della Spina di Borgo per la realizzazione dell’attuale via della Conciliazione.

 

Infine, nei pressi del colonnato di San Pietro, la Fontana delle Tiare evoca elementi simbolici come le chiavi da cui sgorga l'acqua, riferimento alle chiavi del paradiso affidate da Gesù a San Pietro e presenti nello stemma pontificio, e le tiare, i copricapo papali ora non più in uso.

 

S. T.

 

 

GLI ALTRI ARTICOLI DELLA RUBRICA

Alla ricerca della prima dipendente del Comune di Roma

Il Giardino degli Aranci, la terrazza verde su Roma

Costantino e gli altri. Le statue giganti nell'antica Roma

Il mercato storico di via Sannio tra passato e futuro

Street Art, Il cinema sui muri di Roma

L'antico Osservatorio del Campidoglio, quando da Palazzo Senatorio si guardavano le stelle

Il Carcere Mamertino, da prigione di massima sicurezza a luogo di culto

Com'era il Natale a Roma. Gli articoli conservati nell'Archivio Storico Capitolino

Le porte di Roma. Oggi aperte e maestose, un tempo utili strumenti di difesa

Viaggio nel quartiere Coppedè, un mix unico di stili e fantasy

Passeggiata nella Roma contemporanea

Planetario di Roma, scienza ed emozione sotto una cupola di stelle

Da Sora Lella a Nilde Iotti, nomi di donna per le strade di Roma

Montesacro: Città Giardino compie 100 anni, tra fascino e storia

Roma set a cielo aperto tra location cult e meno note

La Casina delle Civette, un villino da favola nel cuore di Roma

(Quasi) tutti gli obelischi arrivavano a Roma 

Le statue parlanti: gli “eroi” che divennero la voce del popolo

MIC Card, oltre 330mila tessere acquistate: la cultura crea indipendenza

Piazza Pia, i Giubilei e le trasformazioni dal Quattrocento a oggi

Su il sipario, come nascono le scenografie del Teatro dell'Opera

Area Sacra Largo Argentina, un cammino nella Storia 

Isola Farnese, il borgo delle favole a Roma

La Capitale e i suoi gatti, un legame millenario

I segreti di Palazzo Senatorio, un gioiello nel cuore della città

Le Scuole d'Arte e dei Mestieri si mettono in mostra

La Capitale della biodiversità: i dati

Casa del Parco e Fabrizio Giovenale. La primavera delle biblioteche all'aperto

Open House Roma, 9 anni di straordinaria apertura

Dietro le quinte del Teatro dell'Opera: il deposito dei costumi 

Tradizionale fioritura di azalee a piazza di Spagna

In bici da Ponte Milvio a Castel Giubileo: finiti i lavori di riqualificazione

Il Bioparco, 122 anni di storia a Villa Borghese

Serra Moresca, la "piccola Alhambra"

Viaggio nel tempo, gli orologi del Campidoglio

Centrale Montemartini, tra mosaici mai visti, opere in viaggio e attività per ragazzi

Natale di Roma: il 21 aprile riapre il Roseto comunale

 

Torna all'inizio del cotenuto Gestione Preferenze Cookie