Segnala

Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Musei civici, per l'Epifania ultimi eventi di 'Nel weekend l'arte si anima'

Tematica: Cultura - Musei - Iniziative ed Eventi

3 gennaio 2019

 

Si concludono le festività natalizie e anche la manifestazione Nel weekend l’arte si anima si congeda con un ultimo appuntamento in musica.

L’evento va in scena sabato 5 e domenica 6 gennaio con un programma concertistico a cura di Roma Tre Orchestra che parte dalla musica classica e operistica creata dal genio di Wolfgang Amadeus Mozart per arrivare ai brani tratti dalle migliori colonne sonore del cinema e al viaggio musicale per bambini tra le colonne sonore della Disney.

 

Sabato 5 gennaio dalle 20 alle 24 (ultimo ingresso alle ore 23) i Musei Capitolini dunque fanno da scenario, durante l’apertura straordinaria serale, alle esibizioni dei giovani musicisti appartenenti alla Roma Tre Orchestra.

Con la cifra simbolica di un euro o gratuitamente con la MIC Card il pubblico può apprezzare le magnifiche opere della collezione permanente e visitare le mostre temporanee La Roma dei Re. Il racconto dell’Archeologia e I Papi dei Concili dell’era moderna. Arte, Storia, Religiosità e Cultura, incontrando l’accompagnamento musicale dei brani di Wolfgang Amadeus Mozart negli spazi dell’Esedra di Marco Aurelio, del Palazzo Nuovo e della Sala Pietro da Cortona.

Alle 20.15 nell’Esedra di Marco Aurelio l’esibizione dal titolo: Mozart – Gala ai Musei Capitolini (in replica alle ore 23). Sotto la direzione del Maestro Luca Incerti, Francesca Bruno (flauto), Paolo Lamagna (fagotto), Andrea Puccetti (corno) e Marta Nizzardo (clarinetto) si alternano per restituire una selezione da concerti solistici per flauto, fagotto, corno e clarinetto. Alle 20.45 ci si può trasferire in Sala Pietro da Cortona, all’interno della Pinacoteca Capitolina, per ascoltare dalle voci soprano di Chiara Polese e Sofia Pezzi accompagnate al pianoforte da Massimiliano Tisano, le arie tratte dall’opera Don Giovanni.

Alle 21.30 è Palazzo Nuovo a ospitare l’esibizione della Roma Tre Orchestra Ensemble composta da Francesca Bruno al flauto, Fiorela Asqeri al violino, Roberta Rosato alla viola e Alessandro Guaitolini alla viola che esegue il Quartetto con flauto in re maggiore K 285 e il Quartetto in do maggiore K 285b. Prima del gran finale nell’Esedra di Marco Aurelio, nuovo passaggio in Sala Pietro da Cortona alle 22.15 con Axel Trolese, per la Sonata n. 11 in la maggiore K 331 e la Sonata n. 12 in fa maggiore K 332 al pianoforte.

 

Domenica 6 gennaio, nel giorno della Befana, è il Museo di Roma ad accogliere romani e turisti proponendo il concerto Steam Quartet incontra Roma Tre Orchestra.

La musica da cinema per tutte le età eseguito dal quartetto d’archi composto da Eunice Cangianello (violino I), David Simonacci (violino II), Lorenzo Rundo (viola) e Elisa Astrid Pennìca (violoncello).

L’esibizione gratuita per i residenti a Roma e Città Metropolitana (è valida la tariffazione della prima domenica del mese) curata dalla Roma Tre Orchestra prende vita alle 11.30 e si rivolge al pubblico di ogni età proponendo loro i brani tratti dalle celebri colonne sonore dei capolavori del cinema classico come Scent of woman, The Mission, La stangata, La leggenda del pianista sull’oceano, Mondo cane, The Lone Ranger, Star Wars e Dottor Zivago. Per i più piccoli il quartetto realizza, inoltre, un focus divertente e allegro dedicato alle note del cinema Disney con gli omaggi ai grandi classici dell’animazione come La Bella e la Bestia, Cenerentola, Pinocchio, Aladdin, Il libro della giungla e Rapunzel.

 

Nel weekend l’arte si anima è una manifestazione promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali ed è realizzata in collaborazione con le principali istituzioni cittadine come Fondazione Musica per Roma, Teatro di Roma, Teatro dell’Opera, Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Università Roma Tre e con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura.

 

Il programma

 

RED

 

Torna all'inizio del cotenuto