Casa Digitale del Cittadino
Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Il mare di Roma, natura e storia a un passo dall'Urbe. Campagna promozionale

Tematica: Litorale - Turismo

29 luglio 2021

 

Le selvagge dune di Capocotta, la lunghissima e profonda spiaggia pubblica di Castelporziano, al largo le Secche di Tor Paterno – i Caraibi dietro casa - e le pinete, il razionalismo metafisico del lungomare di Ostia, le più belle – e meglio conservate – insulae romane (palazzi di civile abitazione) di tutti i territori dell’impero romano (e un teatro romano coi fiocchi) a Ostia Antica. E’ il mare di Roma, il caso unico in Europa di una città che non è propriamente di mare ma si distende a un passo dal mare e lo abbraccia con una sua propaggine, grande a sua volta come una città.

 

E’ il mare dell’Urbe, dono prezioso per i romani e i turisti, rara sintesi di natura e storia: natura luminosa, storia profondissima. Il mirto e le fioriture effimere sulla sabbia dunale, gli uccelli di passo che sono una mecca per il birdwatching, il gusto di bagnarsi nel mare di Enea o di scivolarci sopra con il surf.

 

Un patrimonio da valorizzare e far conoscere meglio. E’ questo l’obiettivo della campagna promozionale lanciata dal Municipio e curata da Omniares Communication, annunciata dal claim Un’emozione da vivere tutto l’anno. Incontestabilmente vero: le spiagge e i resti di Ostia Antica sono irresistibili col solleone come sotto la pura luce invernale, mai fredda da queste parti. La campagna è ampiamente multimediale: spot radiofonici, video (vedi il primo della serie su YouTube), social, percorso “cineturistico” sul lungomare di Ostia, manifesti nelle stazioni metro, brochure, segnalibri, gadget. Il tutto, con particolare attenzione alle iniziative municipali.

 

La campagna, affermano i curatori, punta sul mercato degli operatori turistici ma anche sull’utente finale. Il momento appare azzeccato, perché l’attività promozionale spinge sui segnali di ripresa dopo la stretta pandemica. E perché da tempo capita sempre più spesso, andando sul litorale romano, di imbattersi in bagnanti che parlano inglese o francese o tedesco. Segno che i turisti cominciano ad apprezzare il mare di Roma: facilmente raggiungibile nel corso di una vacanza romana, gravido di suggestioni naturali e storiche che prolungano sulle rive del Tirreno il carattere della Città Eterna.

 

PV

 

 

Torna all'inizio del cotenuto