Segnala

Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

"Italia terra di agrumi", festival dell'ortofrutta made in Italy

Tematica: Commercio Impresa - Commercio su aree pubbliche

15 marzo 2019

 

“Conosci tu il paese dove fioriscono i limoni?”, cantava Goethe in un empito d’entusiasmo mettendo piede su suolo italico. I limoni (“le trombe d’oro della solarità” del giovane Montale), gli aranci, gli agrumi in genere sono uno dei principali brand del nostro paese. Che ne è tra i maggiori produttori al mondo e che sforna agrumi di qualità proverbiale. Il Campidoglio ha dunque pensato di dedicare una grande kermesse ai più mediterranei tra i frutti della terra, a chi li coltiva e alla loro distribuzione.

 

Per due settimane tra 15 e 30 marzo Roma Capitale ospita il festival Italia terra di agrumi. Un evento patrocinato dalla Presidenza dell’Assemblea Capitolina e partecipato dai maggiori consorzi e associazioni di settore nazionali, con il supporto del Centro Agroalimentare di Roma (CAR).

 

Nata per promuovere la cultura del viver sano e della corretta alimentazione – a base delle delizie del Made in Italy –, la manifestazione è articolata in una serie di appuntamenti disseminati in città e aperti a tutti: dagli show cooking dello chef Fabio Campoli a base di agrumi, organizzati nei mercati rionali capitolini, all’esposizione di piante e prodotti derivati nella due giorni prevista all’Aranciera di San Sisto.

 

Il tutto, anche nell’ottica di valorizzare le eccellenze ortofrutticole italiane e la filiera che ne cura produzione, distribuzione e commercializzazione e movimenta un indotto nazionale di settore che, nel 2018, ha totalizzato 41,8 miliardi di euro in termini di export, con un +1,8% sul 2017.

 

Qui gli appuntamenti in calendario.

 

Leggi le dichiarazioni del presidente dell’Assemblea Capitolina Marcello De Vito, dell’assessore Carlo Cafarotti (Sviluppo Economico-Turismo-Lavoro) e del direttore del CAR Fabio Massimo Pallottini.

 

RED, PV

Torna all'inizio del cotenuto