Casa Digitale del Cittadino
Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

"Reinventing Cities", il cronoprogramma del bando

Tematica: Casa e Urbanistica - La città che cambia - Patrimonio - Valorizzare il patrimonio

10 febbraio 2020

 

Dall’ex Mira Lanza all’ex Filanda, dalle aree dismesse della Stazione Tuscolana al mercato storico di Torre Spaccata  e all’Istituto Vertunni: cinque i siti di Roma Capitale al centro del bando internazionale C40 Reinventing Cities avviato il 4 dicembre scorso insieme ad altre otto città del mondo. Il programma - guidato da C40 Cities Climate Leadership Group – punta alla realizzazione di progetti di rigenerazione urbana all’insegna della sostenibilità ambientale, creando ambienti urbani privi di emissioni di carbonio e resilienti.

 

Roma Capitale partecipa al programma Reinventing Cities per trasformare aree dismesse ed edifici abbandonati in luoghi innovativi, con progetti selezionati mediante manifestazioni di interesse e procedure concorrenziali rivolte a investitori, operatori, progettisti in dialogo con l’amministrazione pubblica, gli stakeholder e le comunità locali. I team partecipanti dovranno avanzare proposte creative in termini di contenuti, gestione e forma, nonché dimostrare che sia possibile ottenere elevate prestazioni ambientali praticando un’architettura di alta qualità e determinando benefici per la comunità.

 

Un’occasione importante per recuperare gli spazi abbandonati delle città, favorendo nuovi modi di vivere i luoghi in un’alleanza virtuosa tra pubblico e privato per uno sviluppo urbano più sano e sostenibile. Temi di cui si è discusso giorni fa all’evento Meet-up Reinventing Cities Rome alla Casa dell’Architettura, una giornata di confronto tra amministratori, investitori e progettisti. Nel meeting si è dedicato un ampio spazio all’illustrazione – da parte dell’Amministrazione insieme ai rappresentanti della rete internazionale C40 – del bando e dei cinque siti romani in gara, per poi passare a uno sguardo generale sulla rigenerazione urbana e sull’importanza della sinergia pubblico-privato per scommettere sulle città del futuro. 

 

A partecipare all’evento, realizzato in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Roma e provincia negli spazi dell’Acquario Romano, insieme alle autorità capitoline: Costanza De Stefani di C40 Zero Carbon Development, il presidente di FS Sistemi Urbani Carlo De Vito, il presidente di Acer Nicolò Rebecchini, il presidente dell’Ordine degli Architetti di Roma e provincia Flavio Mangione, il presidente della Commissione Cultura della Casa dell’Architettura OAR Luca Ribichini, gli architetti Maria Claudia Clemente e Patricia Viel. 

 

Il bando si divide in due fasi principali: la prima è la fase di manifestazione di interesse; la seconda è quella di presentazione della proposta. Il cronoprogramma del bando Reinventing Cities: 

 

-      4 dicembre 2019: lancio della manifestazione di interesse

 

-      maggio 2020: presentazione delle manifestazioni di interesse

 

-      entro luglio 2020: analisi delle manifestazioni di interesse

 

-      luglio 2020: lancio della fase “Proposta”

 

-      dicembre 2020: presentazione delle proposte

 

-      febbraio 2021: giuria per analisi delle proposte e selezione finale

 

Per il Campidoglio “la competizione internazionale sulla rigenerazione urbana è fondamentale per realizzare un nuovo modello di sviluppo e per confrontarsi con modelli innovativi di trasformazione a confronto con le altre città del mondo. L’obiettivo è promuovere progetti di rigenerazione a impatto zero e con i più alti standard di sostenibilità ambientale, a cui si è inteso dare anche una connotazione di sostenibilità sociale grazie al coinvolgimento dei Municipi per individuare le attività da sviluppare nei territori”. In ciò “la collaborazione virtuosa tra pubblico e privato è una delle strade che si stanno percorrendo per valorizzare il patrimonio capitolino”, così come “il confronto con cittadini, amministratori, investitori e progettisti” è premessa per far sì che il recupero dei beni immobili di Roma Capitale coniughi “valorizzazione e ricostruzione di comunità”, ridando vita a luoghi di aggregazione con servizi e spazi per vivere la città. Con ReinvenTIAMO Roma – conclude il Campidoglio – “si introduce un modo diverso di intendere la città” e “si dà avvio a una nuova fase dell’uso del patrimonio pubblico all’interno di una rinnovata sinergia con il privato, valorizzando gli edifici dismessi e abbandonati, rendendoli efficienti da un punto di vista bioenergetico e tenendo conto delle esigenze del territorio”.

 

Leggi le considerazioni degli altri partecipanti al convegno.

 

Tutte le informazioni sul concorso Reinventing Cities sul portale dedicato

 

RED

Torna all'inizio del cotenuto