Segnala

BETA
Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Portale Beta 

Vai alle sezioni correlate

Proposte di Deliberazione

Gli appartenenti alla comunità cittadina possono presentare proposte di deliberazione di iniziativa popolare sugli atti di competenza della Giunta e dell’Assemblea Capitolina depositando un progetto, redatto in articoli e accompagnato da una relazione illustrativa, che rechi non meno di cinquemila sottoscrizioni raccolte nei tre mesi successivi alla costituzione del Comitato promotore.

La costituzione del Comitato, formato da almeno 10 cittadini la cui iscrizione nelle liste elettorali di Roma Capitale deve risultare da certificato di recente emissione da parte dei competenti uffici capitolini Anagrafe ed Elettorale della Direzione Coordinamento Servizi Delegati e dei Municipi, avviene contestualmente alla presentazione del progetto presso il Segretariato Generale di Roma Capitale.

In tale occasione ai componenti del Comitato, le cui sottoscrizioni vengono autenticate a norma di legge, sono forniti alcuni esemplari del modulo (fac-simile) per la raccolta delle firme degli appartenenti alla comunità cittadina che devono accompagnare il progetto.

Il modulo deve essere utilizzato senza alcuna modifica e può essere riprodotto in fotocopia (formato A3). A cura del Comitato, in ogni modulo utilizzato va incluso l’oggetto della proposta di deliberazione.

Nel caso di proposte di competenza dell’Assemblea Capitolina, il Comitato, prima di procedere alla raccolta delle firme, può chiedere alla Conferenza dei Presidenti dei Gruppi Capitolini di pronunciarsi sulla ricevibilità del progetto di deliberazione.

Sono dichiarati irricevibili i progetti che non sono di competenza dell’organo cui sono riferiti ovvero che sono redatti in termini sconvenienti o non conformi alle disposizioni che ne disciplinano la presentazione.

Accanto ad ogni firma raccolta, deve essere riportato il numero di iscrizione del cittadino nelle liste elettorali di Roma Capitale, che viene inserito dal Servizio Elettorale su richiesta diretta del Comitato promotore (è consigliabile procedere per gruppi di moduli, man mano che si procede alla raccolta delle firme, in modo da non concentrare tutte le annotazioni in prossimità della scadenza del termine di consegna).

Possono sottoscrivere il progetto di deliberazione anche coloro che non siano iscritti nelle liste elettorali di Roma Capitale, purché presentino dichiarazione scritta di autocertificazione attestante l’iscrizione nelle apposite liste in cui è possibile registrarsi annualmente, dall’1 ottobre al 31 dicembre, presso una qualsiasi sezione dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico.

In sede di deposito, i componenti del Comitato promotore che hanno effettuato tale raccolta, ne attestano la regolarità mediante apposita dichiarazione.

La proposta di deliberazione, subordinatamente alla verifica della sua ricevibilità e del numero di firme raccolte, viene trasmessa agli Uffici dell’Amministrazione Capitolina, competenti per materia, i quali esprimono il parere di regolarità tecnica (art. 49, TUEL) entro il termine di 15 giorni.

A seguito di tale parere ovvero decorso il termine per la sua espressione, la proposta è inviata alle competenti Commissioni dell’Assemblea Capitolina, le quali provvedono all’esame - previa audizione di un rappresentante del Comitato che ne faccia richiesta - entro il termine di 15 giorni.

Acquisito il parere delle Commissioni ovvero scaduto il termine per la loro espressione, la proposta è iscritta all’ordine del giorno dell’Assemblea Capitolina e, su decisione del Presidente d’intesa con la Conferenza dei Presidenti dei Gruppi Capitolini, all’ordine dei lavori, per essere sottoposta, senza possibilità di presentare emendamenti, all’esame dell’Aula entro 6 mesi dalla consegna delle firme raccolte.

 

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche
Torna all'inizio del cotenuto