Segnala

Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Inquinamento dei terreni e delle falde acquifere

Quando un sito è contaminato?

Un sito contaminato è un’area geograficamente definita e determinata nelle cui matrici ambientali, costituite da terreni ed acque sotterranee, le concentrazioni delle sostanze inquinanti presenti hanno superato il valore delle Concentrazioni Soglia di Rischio ambientale e sanitario (CSR). Bonificare un sito contaminato significa eliminare le fonti di contaminazione e le sostanze inquinanti (ma questo non sempre è possibile) e comunque ricondurre le concentrazioni dei contaminanti presenti al di sotto dei valori delle CSR.

Le CSR non sono valori noti a priori, ma variano in funzione del sito, in base alle concentrazioni di inquinanti presenti, alle caratteristiche del sito ed all’utilizzo che si fa del sito stesso. Le CSR vengono determinate mediante l’analisi di rischio sito-specifica, un complesso insieme di calcoli, che gli specialisti del settore effettuano utilizzando appositi programmi sulla base delle disposizioni di legge e di linee guida elaborate dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA). Solo dopo la determinazione delle CSR e successivamente al confronto fra queste ultime e le concentrazioni presenti in sito, si può stabilire se un sito sia contaminato o meno.

Le Concentrazioni Soglia di Contaminazione (CSC) sono invece valori noti a priori, elencati in tabelle all’interno del D.Lgs. 152/2006 (Allegato 5 al Titolo V della Parte 4) o del D.M. 31/2015 (specifico per le bonifiche dei punti vendita carburante). Sono valori di concentrazione molto importanti, che fungono da campanello di allarme. Il loro superamento comporta che un sito sia definibile come “potenzialmente contaminato”. Per i siti potenzialmente contaminati deve essere intrapreso l’iter tecnico-amministrativo previsto dalla normativa di settore (D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. e D.M. 31/2015) che, attraverso le indagini di caratterizzazione e la successiva analisi del rischio sanitario ed ambientale, condurrà a stabilire se sia necessario l’intervento di bonifica o, in alternativa, di messa in sicurezza operativa o permanente.

Ti potrebbe interessare anche
Torna all'inizio del cotenuto