Segnala

Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Referendum Consultivi 11 Novembre 2018 - Trasporto Pubblico

Comunicazione politica e accesso ai mezzi d’informazione

Deliberazione Assemblea Capitolina n102/2018 Articolo 8.

1. Durante la campagna referendaria, le emittenti pubbliche e private nazionali o locali nonché i
quotidiani e i periodici a diffusione nazionale o locale si conformano all’obbligo del rispetto dei principi
generali e alla disciplina in materia di informazione e di tutela del pluralismo di cui al TUSMAR (D.Lgs.
n. 177/2005), alla Legge n. 28 del 2000) nonché ai provvedimenti della Commissione Parlamentare
per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radio-televisivi e dell’Autorità per le Garanzie nelle
Comunicazioni (segnatamente la delibera 24 febbraio 2014, 89/14/CONS), assicurando, negli spazi di
approfondimento informativo in cui assuma carattere rilevante l’esposizione di opinioni e valutazioni
politico-elettorali attinenti ai temi dei referendum, la più ampia ed equilibrata presenza ai diversi
soggetti e la corretta rappresentazione delle differenti posizioni.

 

Legge 22 febbraio 2000, n. 28 ("Disposizioni per la parità d'accesso ai mezzi d'informazione durante le campagne elettorali e referendarie e per la comunicazione politica")

omissis

Art. 9. - (Disciplina della comunicazione istituzionale e obblighi di informazione)

1. Dalla data di convocazione dei comizi elettorali e fino alla chiusura delle operazioni di voto è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l'efficace assolvimento delle proprie funzioni.

2. Le emittenti radiotelevisive pubbliche e private, su indicazione delle istituzioni competenti, informano i cittadini delle modalità di voto e degli orari di apertura e di chiusura dei seggi elettorali.

Torna all'inizio del cotenuto