Segnala

Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Autorizzazione Unica Attività Agricole

La richiesta di Autorizzazione ai sensi del dell’Art.7 del D.P.R. 160/2010 - Procedimento unico deve essere presentata all’Ufficio P.A.M.A. - Gestione Autorizzazioni, S.C.I.A. e Certificazioni Agricole, quando sia individuato l’Imprenditore agricolo, l’attività da svolgersi e le opere edilizie da effettuarsi. Il procedimento unico si conclude con un provvedimento (Determinazione Dirigenziale) che autorizza lo svolgimento della attività e la realizzazione dell’opera.

 

L’Autorizzazione Unica per Attività Agricole viene rilasciata per attività e opere riferite a:

 

1) le attività agricole tradizionali, ai sensi dell’art. 2135 del Codice Civile, quali la coltivazione del fondo, la zootecnia, l’itticoltura e la silvicoltura.

2) le attività connesse con le attività agricole tradizionali esercitate dal medesimo imprenditore agricolo, quali l’agriturismo, la trasformazione e vendita diretta dei prodotti, la degustazione dei prodotti tipici, le attività culturali, didattiche, sociali, ricreative e terapeutiche-riabilitative:

•manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione che abbiano ad oggetto prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo o dl bosco o dall’allevamento di animali;

•fornitura di beni e servizi mediante l’utilizzazione prevalente di attrezzature o risorse dell’azienda normalmente impiegate nell’attività agricola esercitata, ivi comprese le attività di valorizzazione del territorio e del patrimonio rurale e forestale.

3) le attività agricole tradizionali di cui all’art. 2135 del codice civile e le attività integrate e complementari all’attività agricola e compatibili con la destinazione di zona agricola ai sensi dell’art. 54 comma 2 lettera b) e della Legge Regionale del Lazio 38/99 e s.m.i. quali:

•Ricettività e turismo rurale;

•Trasformazione e vendita diretta dei prodotti derivanti dall’esercizio delle attività agricole;

•Ristorazione e degustazione dei prodotti tipici derivanti dall’esercizio delle attività agricole,

•Attività culturali, didattiche, sociali, ricreative e terapeutiche- riabilitative;

•Accoglienza ed assistenza degli animali.

 

Le richieste di Autorizzazione Unica vanno presentate esclusivamente sulla modulistica di riferimento che va inoltrata obbligatoriamente via PEC all’indirizzo del  Dipartimento Sviluppo Economico Attività Produttive e Agricoltura:   protocollo.attivitaproduttive@pec.comune.roma.it

 

La stessa documentazione, ovvero i Moduli sopra citati, gli Elaborati grafici e tutta la documentazione allegata all’istanza sarà presentata su supporto cartaceo, in duplice copia, e informatico (CD di dimensione massima pari a 60 MB), come documentazione integrativa alla domanda già inviata via PEC, anche al protocollo del  Dipartimento Sviluppo Economico e Attività Produttive in Via dei Cerchi, 6.

 

Diritti di istruttoria

I diritti di istruttoria per l’Autorizzazione Unica sono stabiliti in analogia a quanto previsto per i procedimenti della U.O. Permessi di Costruire del Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica dalla Deliberazione di Commissario Straordinario con i poteri dell’Assemblea Capitolina n. 9 del 19/02/2016.

L’attestazione di pagamento dei diritti sopra menzionati va allegata all’istanza e anch’essa inviata via PEC.

 

Modalità di pagamento

A) Con bonifico bancario:

IBAN IT 62 O 076010 32000 00060719002 intestato alla Tesoreria di Roma Capitale, c/o Unicredit, filiale di Roma 52, specificando nella causale “SUAP – Sportello Agricoltura -Diritti di istruttoria”

B) Con bollettino di conto corrente postale:

per le attività di competenza del Dipartimento Sviluppo Economico e Attività Produttive, CC n. 60719002, intestato a Roma Capitale, Dipartimento Sviluppo Economico e Attività Produttive specificando nella causale “SUAP – Sportello Agricoltura – Diritti di istruttoria”.

 

La compilazione incompleta e/o la mancata consegna dei moduli A, B e C e dello “Schema Contenuti del CD”, nonché la mancata consegna della attestazione del versamento dei diritti di istruttoria comporterà l’archiviazione dell’istanza per improcedibilità ai sensi dell’art. 2 della L. n. 241/1990 e s.m.i.

 

Ti potrebbe interessare anche
Torna all'inizio del cotenuto