Casa Digitale del Cittadino
Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Botteghe Storiche e Negozi Storici di Eccellenza

Sommario
  1. Botteghe Storiche
  2. Negozi Storici di Eccellenza

Botteghe Storiche

L'Amministrazione comunale con le Deliberazioni consiliari n. 139/97 e n. 130/2005 che integrano e completano gli ambiti delle norme di tutela della Città Storica adottate con la Deliberazione del Consiglio Comunale n. 36/2006 , ha inteso salvaguardare e tutelare i negozi e le attività artigianali. Questi esercizi, dato il loro radicamento nel tessuto urbano e nel vissuto quotidiano dei cittadini, rappresentano un importante elemento di memoria storica ed una preziosa testimonianza di cultura e tradizione, tali da divenire parte integrante del patrimonio culturale della città stessa. Dal 1997 è stato istituito l'Albo dei Negozi Storici per i quali verrà tutelata la vocazione merceologica determinatasi storicamente. A partire dal 2004 il Comune di Roma sta partecipando attivamente all'attuazione del Censimento delle Attività Storiche previsto dalla Legge Regionale n. 31/2001 e dalla Deliberazione della Giunta Regionale n. 723/2005


Riconoscimento di una Bottega Storica


Per ottenere il riconoscimento di bottega storica, il titolare dell'autorizzazione amministrativa deve presentare, all'Ufficio Botteghe Storiche, Edicole e Artigianato del Dipartimento Sviluppo Economico e Attività Produttive, domanda di iscrizione all'Albo Botteghe Storiche (modulo preimpostato che è possibile scaricare nella sezione modulistica di questa pagina di servizio) tramite PEC intestata al richiedente verso protocollo.attivitaproduttive@pec.comune.roma.it contenente le seguenti informazioni:

 

  • Dati completi della Società/Ditta individuale, indirizzo di Posta Elettronica Certificata, descrizione della merceologia di cui si richiede la tutela, superficie del locale;
  • Impegno ad osservare le prescrizioni previste dalla deliberazione C.C. n. 130/2005;
  • Indicazione se i locali sono di proprietà o in locazione o condotti per altra causa. Negli ultimi due casi è necessario fornire il nominativo e l'indirizzo della proprietà per l’espletamento delle procedure ex Legge n. 241/1990 e ss.mm.ii..


Alla domanda dovranno essere allegati i seguenti documenti:

 

  • Relazione sull’attività artigianale o commerciale (storia dell’attività, descrizione delle eventuali volture, principali lavori eseguiti o eventi significativi avvenuti all’interno dei locali);
  • Documentazione fotografica (almeno n. 10 foto a colori ed in originale) dei luoghi (interno ed esterno), delle attrezzature e degli arredi interni ed esterni;
  • Copia del titolo autorizzativo delle insegne;
  • Certificato di iscrizione alla C.C.I.A.A. e/o all’Albo delle Imprese Artigiane, di data non anteriore a 3 mesi;
  • Copia dell’autorizzazione amministrativa;
  • Copia chiara e leggibile di un documento di identità del richiedente;
  • Documentazione ritenuta utile alla dimostrazione della storicità dell’attività.


Procedimento:


La richiesta e la relativa documentazione presentata dal titolare dell'attività sono valutate da una Commissione appositamente istituita. Il parere favorevole della Commissione è il presupposto per il riconoscimento di bottega storica, che viene conferito con Determinazione Dirigenziale del Dirigente della competente Unità Organizzativa. Il parere contrario della Commissione viene comunicato all'interessato con lettera dell'Ufficio che motiva il mancato accoglimento della domanda.

 

Ti potrebbe interessare anche
Link esterni
Torna all'inizio del cotenuto