Segnala

BETA
Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Portale Beta 

Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato

Il commercio al dettaglio, ai sensi del D.Lgs. n. 114/1998 (art. 4), è l'attività svolta da chiunque professionalmente acquista merci in nome e per conto proprio e le rivende, su aree private in sede fissa o mediante altre forme di distribuzione, direttamente al consumatore finale.

La superficie di vendita di un esercizio commerciale è costituita dall'area destinata alla vendita, compresa quella occupata da banchi, scaffalature e simili. Non costituisce superficie di vendita quella destinata a magazzini, depositi, locali di lavorazione, uffici e servizi.

Sono esercizi di vicinato quelli aventi superficie di vendita non superiore a 150 mq. nei comuni con popolazione residente inferiore a 10.000 abitanti e a 250 mq. nei comuni con popolazione residente superiore a 10.000 abitanti.

 

Il commercio al dettaglio in sede fissa ha le seguenti tipologie:

Attività di vicinato (superficie di vendita fino a 250 mq): Municipio; se inserita in un Centro Commerciale: Dipartimento.

Medie strutture di vendita: con superficie di vendita maggiore di 250 mq e fino a 600 mq: Municipio; con superficie di vendita maggiore di 600 mq e fino a 2.500 mq: Dipartimento.

Grandi strutture di vendita (superficie di vendita superiore a 2.500 mq) e Centri Commerciali: Dipartimento.

Forme speciali di vendita (commercio elettronico, vendita a domicilio, apparecchi automatici, ecc.): Municipio.

 

Tramite la piattaforma telematica del SUAP (Sportello Unico per le Attività Produttive) è possibile presentare:

Apertura

Variazione

Subingresso / Reintestazione / Riattivazione

Cessazione Attività

Ti potrebbe interessare anche
Link esterni
Torna all'inizio del cotenuto