Segnala

Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Chiedere l'assegnazione di uno stallo per la sosta personalizzato a persona con invalidità certificata art. 3 comma 3 e 4 legge 104/92 presso il luogo di residenza o presso il luogo di lavoro o di studio

Descrizione del servizio
Ha diritto a chiedere l'assegnazione di uno stallo per la sosta personalizzato la persona con invalidità certificata, patente speciale e veicolo con comandi adattati;

Il disabile con gravi limitazioni di deambulazione certificate ai sensi dell'art. 3 commi 3 e 4 della L. 104/92;

I genitori o il tutore del titolare del contrassegno invalidi che abbia gravi limitazioni di deambulazione ai sensi dell’art. 3, commi 3 e 4, della legge 104/92.

Responsabile del procedimento

U.O. di Gruppo competente per territorio se la strada è ricompresa nella viabilità locale;
Dipartimento Mobilità e Trasporti se la strada ricade nell’elenco della “Viabilità principale” come riportata nel Regolamento Viario allegato al Piano Generale del Traffico Urbano oppure su strade in cui vige la sosta a pagamento.

Atti, documenti e modulistica da allegare alla richiesta

  • Istanza di assegnazione di stallo (modulistica);
  • Copia contrassegno speciale di circolazione invalidi (non scaduto) fronte/retro;
  • Certificato medico legale attestante il particolare stato di gravità  legge 104/92 art. 3, comma 3;
  • Patenta di guida speciale;
  • Libretto di circolazione del veicolo con comandi adattati;
  • Attestato del datore di lavoro con specifica dell’orario (per richiesta posto sosta presso la sede lavorativa);
  • Se il titolare del contrassegno speciale che richiede lo stallo di sosta riservato non è titolare di patente speciale deve essere prodotta all’atto della presentazione della istanza di cui al presente procedimento certificante attestante particolare rilevanza sociale rilasciato dalla Commissione Valutativa di cui all’articolo 11 della deliberazione consiglio comunale n. 21/2007 e ss.mm.ii.

Costi e modalità di pagamento

C/C postale di € 5,16 n.53253001 intestato  a Roma Capitale - Dipartimento Mobilità e Trasporti -via Capitan Bavastro n. 94 - 00154 Roma - casuale Diritti d’istruttoria, oppure da versare direttamente alla Tesoreria del Municipio di competenza;
Marca da bollo da € 16;

Documenti richiesti per i minori (modulistica)

  • Copia contrassegno speciale di circolazione invalidi in corso di validità fronte/retro;
  • Certificato medico legale ai sensi della legge 104/92 art.3, comma 3 (situazione di gravità);
  • Stato di famiglia per domande presentate dai genitori e/o decreto di nomina del Tribunale Civile per i tutori;
  • C/C postale di € 5,16 sul n.53253001 intestato a Roma Capitale-Dipartimento Mobilità e Trasporti-via Capitan Bavastro n.94-00154 Roma- casuale Diritti d’istruttoria);
  • Marca da bollo da € 16

Termine

La Determinazione Dirigenziale di traffico va emessa entro 30 giorni dalla presentazione dell’istanza.

Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale

In caso di emissione della Determinazione Dirigenziale di traffico:

  • Ricorso gerarchico al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti entro 60 gg dall’esecuzione del provvedimento (collocazione della segnaletica);
  • Ricorso giurisdizionale al Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio entro 30 gg dalla esecuzione del provvedimento;
  • Ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 gg ai sensi di legge.

In caso di inerzia è possibile l’attivazione del potere sostitutivo ai sensi dell’art. 2 comma 9 bis della legge n. 241/1990.

Modulistica
Ti potrebbe interessare anche
Torna all'inizio del cotenuto