Segnala

Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Il roseto di Roma

Classificazione delle Rose

Le migliaia di rose esistenti, tra specie e varietà, vengono genericamente suddivise in tre grandi gruppi i cui confini, talvolta, possono risultare incerti: Rose Botaniche, Rose Antiche e Rose Moderne.


Rose botaniche

Le Botaniche o Specie (dette anche Selvatiche), sono le rose spontanee che crescono in varie zone, dalle più torride alle più fredde, ma solo dell'Emisfero Settentrionale. Probabilmente esistenti prima dell'uomo, (nell'Oregon è stato rinvenuto un reperto fossile di una foglia di rosa risalente a quaranta milioni di anni fa), se ne conoscono 150-200 tra specie e loro primi ibridi. Solo poche di queste, però, sono le progenitrici delle decine di migliaia di rose esistenti tra antiche e moderne. Sono divise nei seguenti sottogeneri: Hultelmia (Simplicifoliae), Hesperhodos, Platyrhodon e Rosa, quest'ultima ordinata nei seguenti sottogruppi :

Chinenses (Indicae), Banksianae, Levigatae, Bracteatae, Pimpinellifoliae, Synstylae, Cinnamomeae (Cassiorhodon), Carolinae, Gallicanae, Caninae, Villosae, Rubiginosae.

 

Galleria Immagini

 

Rose antiche

Alla categoria delle antiche, appartengono molte rose che vengono raggruppate in classi a seconda della loro origine. Spesso sono il risultato di incroci spontanei tra rose botaniche che l'uomo, involontariamente, faceva incontrare nei suoi spostamenti da una parte all'altra del Mondo. Talvolta sono il frutto delle prime sperimentazioni nel campo della ibridazione, cominciate a partire dai primi decenni dell'Ottocento. Ecco alcuni gruppi rappresentativi:
Galliche, Alba, Damascene, Centifolie, Muscose, Eglanteria, Moschate, Borboniane, Rugose, Spinosissime, Chinenses, Ibridi Perenni.

 

Galleria Immagini
 

Rose moderne

Nella vasta e generica categoria delle "moderne" vengono inserite le moltissime varietà ottenute dall'uomo a partire dalla fine dell'800, quando si cominciò ad utilizzare per incrocio le rose che gli inglesi avevano portato dalla Cina e dalle altre regioni dell'Estremo Oriente con le navi cariche di the (da qui, probabilmente, il nome Tea). La progenitrice delle rose moderne è quindi la Rosa Tea (R. x Odorata) risultato dell'incrocio tra la R. Gigantea e la R. Chinensis. Incrociata poi con le Borboniane e con gli Ibridi Perenni, ha dato vita agli Ibridi di Tea (HT).

- HT (Ibridi di Tea)


Caratteristica delle rose HT è lo stelo lungo sul quale sono portati uno o pochi fiori a forma di calice allungato (sono Ibridi di Tea, ad esempio, le rose recise che si acquistano dal fiorista). Altra caratteristica importante è la rifiorenza, pressoché continua, da fine Aprile a Febbraio.

- Floribunde


Anche le Floribunde hanno "sangue" cinese, sono infatti il prodotto dell'incrocio tra rose HT e rose Polyantha, a loro volta risultato dell'incrocio tra la R. Multiflora e la R. Chinensis Minima. Delle rose cinesi hanno sicuramente la rifiorenza, ma l'aspetto, in confronto alle HT, è diverso: i fiori sono a mazzetti e più piccoli. Si prestano bene come rose da bordura e per avere degli effetti cromatici.

Altre sottoclassi appartenenti al vasto gruppo delle rose moderne sono le seguenti:

- Rose Inglesi

Rappresentano una nuova famiglia di rose ottenute dall'ibridatore inglese David Austin, a partire dagli anni sessanta, e inserite nel gruppo delle Arbustive. Come queste ultime, infatti, sono il risultato dell'incrocio tra rose antiche e rose moderne. Delle prime hanno il profumo, il portamento, la forma del fiore ed i colori spesso tenui. Delle seconde la rifiorenza.

- Rose Ricadenti o Coprisuolo


Anche queste sono inserite nel gruppo delle Arbustive. Con i loro sottili e flessuosi rami si adattano a coprire muri o recinzioni, grazie anche al peso dei fiori. Poste in piano diventano "tappezzanti o coprisuolo" proponendo, quando sono in fiore, suggestivi effetti.

- Rose Miniatura


Chiamate anche "Lillipuziane", si sono affermate negli ultimi anni perché facilmente coltivabili in vaso e quindi adatte per ornare terrazze e balconi. Hanno tutte come antenata la "Rouletii", variante della R. Chinensis Minima, scoperta casualmente in Svizzera dal Maggiore Roulet nel 1918 e catalogata dal botanico ginevrino Henri Correvon che la introdusse nel 1922.

- Rose Patio


Classe intermedia tra le miniature e le piccole floribunde. Anche queste si coltivano facilmente in vaso. In giardino possono formare in una piccola e divertente siepe. 

 

Galleria Immagini

Ti potrebbe interessare anche
Torna all'inizio del cotenuto