Casa Digitale del Cittadino
Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Informazioni utili sulle contravvenzioni ("Contravvenzioni” è di uso comune - Nel linguaggio giuridico è “Sanzione Amministrativa Pecuniaria")

Reintestazione di un verbale vendita-noleggio

Nel caso di vendita di autoveicoli o motoveicoli venduti antecedentemente al giorno dell’infrazione, ovvero di noleggio contrattualmente in corso al momento dell’infrazione, si precisa quanto segue:

 

VENDITA

Sia per i verbali elevati dal Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale sia per quelli degli Ausiliari del traffico, il cittadino/intestatario dell’atto ha 60 giorni di calendario (non due mesi) dalla data di notifica del verbale per comunicare agli uffici competenti di non essere intestatario del veicolo sanzionato allegando:

  • copia del verbale notificato
  • copia dell’atto di vendita registrato presso il Pubblico Registro Automobilistico (o in alternativa copia dell’atto notarile o della scrittura privata autenticata o visura P.R.A.).

E’ necessario inviare la documentazione a mezzo raccomandata A/R a:

Direzione Gestione dei procedimenti connessi alle entrate extra-tributarie - Servizio Codice della Strada Via Ostiense 131/L - 00154 Roma

Alternativamente la documentazione di cui sopra potrà essere:

 

Se la documentazione partecipata sarà ritenuta completa, veritiera e valida, il verbale verrà in questo modo rinotificato al nuovo intestatario del veicolo. I termini per la rinnovazione della notifica decorrono ex novo, per l’Amministrazione dalla data in cui la stessa è posta in grado di provvedere alla identificazione del nuovo proprietario (art. 201 C.d.S.).

 

Giova precisare che i verbali che contengono accertamenti inerenti violazioni al Codice della Strada vengono intestati sulla base dei dati presenti nei pubblici registri o nell'archivio nazionale dei veicoli (art. 201 C.d.S.). Per questo motivo non è sufficiente autodichiarare la cessata proprietà del mezzo sanzionato, in quanto va comprovato che la causa dell’errore è imputabile al gestore dei predetti pubblici registri e non al richiedente o suoi intermediari.

 

 

NOLEGGIO/LOCAZIONI

In via preliminare si evidenzia che Roma Capitale in vista della necessità di porre a disposizione dell’utenza, l’accessibilità in forma digitale e in modo integrato, l’accesso a specifici servizi, ha attivato una specifica procedura che consente, ai Locatori Senza Conducente (anche “Società di Noleggio Veicoli Senza Conducente) operanti a norma dell’art. 84 del D.Lgs n°285/1992, di realizzare con autonomia procedurale, lo scambio delle notizie relative al locatario al momento della violazione, onde consentire la rapida reintestazione del verbale, per la notifica a quest’ultimo, entro i termini di legge.

 

Per convenzionarsi con l’Amministrazione capitolina, onde approfittare di questa celere modalità di scambio delle informazioni, sarà possibile scaricare il modello di contratto per adesione (dalla modulistica in calce), compilarlo correttamente e inviarlo - dopo aver preso visione dell’informativa inerente il trattamento dei dati - a mezzo PEC, seguendo le istruzioni contenute nella scheda appositamente dedicata a questa fattispecie 

 

 

Per quelle società di Locazione senza Conducente che non intendano aderire al sistema convenzionale informatizzato resta possibile procedere all’inoltro delle istanze di reintestazione, nel rispetto delle seguenti modalità:

in caso di autoveicoli noleggiati, la società di noleggio può comunicare alla Direzione Gestione dei Procedimenti Connessi alle Entrate Extra-Tributarie - Servizio Codice della Strada Via Ostiense 131/L - 00154 Roma, i dati identificativi dell’effettivo utilizzatore/locatario del veicolo, entro 60 giorni di calendario (non due mesi) dalla notifica del verbale.

Laddove il locatore intendesse accedere a tale possibilità, la comunicazione (da presentarsi tramite raccomandata A/R  o a mezzo PEC al seguente indirizzo: protocollo.risorseeconomiche@pec.comune.roma.it deve recare in allegato:

  • richiesta di reintestazione firmata dal rappresentante legale (che si autocertifichi come tale ai sensi dell’art. 46 del D.P.R. 445 del 28.12.2000) su carta intestata o con timbro della società; 
  • copia documento di identità del legale rappresentante;
  • copia del verbale;
  • copia del contratto di noleggio;
  • dati della patente di chi ha noleggiato il veicolo.

 

Dal momento in cui perviene la predetta comunicazione, nelle forme e con gli allegati sopra specificati, da parte del Locatore al quale sia stato notificato il verbale, l’Amministrazione ha nuovamente 90 giorni (art. 201 c.d.s.) per poter rinotificare il verbale al Locatario o all’effettivo trasgressore, per il quale si riaprono tutti i termini di cui agli articoli 202-204 bis del Codice della Strada, con decorrenza dalla data di ricezione del verbale.

Al fine di rendere chiaro, per il destinatario del verbale reintestato, che la notificazione è stata tempestivamente effettuata - in quanto il termine di Legge si è riattivato a seguito della comunicazione del Locatore - nel corpo del verbale è inserita una dicitura sintetica che individua la data nella quale l’Amministrazione è venuta a conoscenza delle generalità del Locatario o dell’effettivo trasgressore.

 

Doverosamente si precisa che, rispetto al verbale regolarmente notificato di cui si chiede reintestazione, la posizione di “obbligato in solido al pagamento della violazione” (Cfr.: art.6 L.689/1981; art. 196 D.Lgs 285/1992), persiste per il Locatore, anche quando il Locatario o l’effettivo trasgressore siano stati raggiunti dalla notificazione del predetto verbale. In altri termini la richiesta di reintestazione non garantisce la liberazione dall’obbligazione di pagamento ed è funzionale a garantire, nell’interesse della sicurezza stradale, la riconduzione della responsabilità sull’effettivo trasgressore, anche agli effetti delle eventuali sanzioni amministrative accessorie o della decurtazione dei punti della patente. A conferma di quanto sopra, si fa presente che la Giurisprudenza della Suprema Corte si è consolidata nell’affermare che “la locatrice rimane obbligata in solido anche nel caso in cui abbia concesso in locazione il veicolo per cui è corretta l’iscrizione a ruolo nei suoi confronti ove il verbale a lei ritualmente notificato” (ex pluris: Corte di Cassazione, la sentenza 19 febbraio 2019 n. 4735).

Ti potrebbe interessare anche
Link esterni
Torna all'inizio del cotenuto