Segnala

Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Certificati Anagrafici e di Stato Civile

Certificati Anagrafici e di Stato Civile

CERTIFICATI ANAGRAFICI E DI STATO CIVILE

 

Dal giorno 1 gennaio 2012 tutte le certificazioni rilasciate dalla Pubblica Amministrazione, compresi i certificati anagrafici e di stato civile, sono valide ed utilizzabili esclusivamente nei rapporti tra privati.


Per questo motivo ogni cittadino, quando si rivolge ad una Pubblica Amministrazione o ad un privato che gestisce un pubblico servizio, deve presentare una semplice e gratuita dichiarazione in autocertificazione, che può rendere direttamente davanti al funzionario senza altre attività oppure redigere prima, allegando la fotocopia di un documento di identità valido.


Nella sezione Ti potrebbe interessare anche è possibile reperire e stampare i modelli di autocertificazione.

 

Sui certificati emessi dal 01/01/2012 è infatti indicato:
"Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della Pubblica Amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi” a pena di nullità del certificato stesso.
Le Pubbliche Amministrazioni ed i privati gestori di pubblici servizi non possono pertanto chiedere alla cittadinanza di consegnare certificati, che sono sempre sostituiti dalle dichiarazioni in autocertificazione. (art. 15 Legge n° 183 del 12 novembre 2011).

 

 

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CERTIFICAZIONI ANAGRAFICHE E DI STATO CIVILE

 

CITTADINI RESIDENTI

 

Richieste presso qualsiasi Municipio

I cittadini residenti in Roma devono richiedere i certificati anagrafici e di stato civile presso i Municipi, compilando un apposito modulo di richiesta ed esibendo un valido documento di riconoscimento.

Ulteriori informazioni sono reperibili

- nella scheda del menu Certificati Anagrafici e di Stato Civile - Dal 1 Ottobre 2019 senza prenotazione presso i Municipi

- nella sezione Servizi, Anagrafe e servizi civici, Anagrafe, Certificati Anagrafici di competenza dei Municipi


Nella sezione Contenuti correlati

Certificati Anagrafici e di Stato Civile Online
Consegna a soggetti terzi certificati anagrafici online

 

CITTADINI RESIDENTI E NON RESIDENTI

 

Richiesta presso Uffici Postali

Dal mese di novembre 2010 presso gli uffici postali di tutto il territorio nazionale in cui è attivo lo “Sportello Amico” (verificabili sul sito www.posteitaliane.it riportato nella sezione Link Esterni) è possibile ottenere tutti i certificati anagrafici in carta semplice ad eccezione di  quello di esistenza  in vita,  pagando a Poste Italiane per il servizio un corrispettivo pari ad € 2,50 per ogni certificato.

 

Richiesta tramite Avvocato, Notaio e Commercialista

E’ attivo un innovativo servizio on line che consente agli avvocati del Foro di Roma, ai notai iscritti al Consiglio Notarile dei Distretti Riuniti di Roma, Velletri e Civitavecchia ed ai commercialisti iscritti all’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti contabili di Roma, che si registrano al sito tramite il proprio ordine professionale, di scaricare sul proprio computer tutti i certificati anagrafici e di stato civile necessari all’assolvimento dell’incarico. I professionisti iscritti agli ordini diversi da quello di Roma, possono ottenere le certificazioni di cui hanno bisogno tramite i propri corrispondenti o associati che esercitano a Roma.

 

NON RESIDENTI

I cittadini NON residenti possono richiedere i certificati anagrafici e di stato civile direttamente presso i Municipi di Roma.

Ulteriori informazioni sono reperibili

- nella scheda del menu Certificati Anagrafici e di Stato Civile - Dal 1 Ottobre 2019 senza prenotazione presso i Municipi

- nella sezione Servizi, Anagrafe e servizi civici, Anagrafe, Certificati Anagrafici

 

Richiesta ordinaria a mezzo posta

Il  cittadino NON residente può chiedere all’Anagrafe del Comune di  Roma certificati / estratti /copie integrali di atti di stato civile (nascita, matrimonio e morte) o certificati anagrafici (residenze, storici di residenza, residenza AIRE, stato di famiglia)  esclusivamente inviando una richiesta scritta (contenente i dati anagrafici, codice fiscale e/o partita IVA, indirizzo, numero di telefono e  e-mail leggibile del richiedente) in busta chiusa, all’indirizzo 

 

Roma Capitale

Dipartimento Servizi Delegati

Ufficio  Certificati per Corrispondenza

Via Luigi Petroselli, 50 - 00186 Roma

 

indicando  tutte  le generalità dell’intestatario del certificato (nome, cognome, luogo e data di nascita, per i certificati  di  matrimonio, luogo e data del matrimonio e dati coniuge e per i certificati di morte, luogo e data della morte).

 

Alla richiesta deve essere allegato, a pena di rifiuto dell’istanza:

- fotocopia completa di un documento di riconoscimento in corso di validità, codice fiscale o partita IVA del intestatario-richiedente

- se il richiedente è persona diversa dall'intestatario, delega e fotocopie complete di un documento di riconoscimento in corso di validità, codice fiscale o partita IVA dell'intestatario-delegante e del richiedente-delegato, in modo particolare per le richieste di copie o estratti di nascita

- una busta preaffrancata (con importo affrancatura aggiornato) o se dall'estero coupon di risposta internazionale, con sopra scritto l’indirizzo al quale si vuole ricevere il certificato, per l’invio, a mezzo posta, del certificato richiesto;

 

 I pagamenti possono essere effettuati secondo quanto indicato nella scheda

 Manifesto_POS_111220181_logoNUOVA MODALITÀ

DI PAGAMENTO

SERVIZI SPORTELLI ANAGRAFICI

(Link)

 

 

 

 

Non pagare mediante assegno o contanti

NON INVIARE IN NESSUN CASO ASSEGNI O CONTANTI

 

 

CERTIFICATI DI STATO CIVILE

  • certificati di nascita, matrimonio e morte (solo data e luogo dell’evento): gratuiti
  • estratti in italiano o plurilingue di nascita, matrimonio e morte (data e luogo dell’evento + annotazioni): gratuiti
  • copie integrali (ossia, “fotocopia autenticata” dell’atto) di nascita, matrimonio e morte: € 1,00 per diritto fisso
  • cittadinanza: € 0,52 per diritti di segreteria  +  € 16,00  per imposta di bollo (tot. € 16,52)

 

CERTIFICATI ANAGRAFICI

Emissione certificati  anagrafici ai sensi degli artt. 15 e 36 della Legge 183/201 sono sempre in bollo tranne i casi di esenzione previsti:

-Tabella B del DPR 642/1972:  gli artt. 3  (procedimenti penali) e art. 12 ( controversie in materia di assicurazioni sociali obbligatorie ed assegni familiari; controversie individuali di lavoro o concernenti il pubblico impiego; controversie in materia di pensioni dirette o di reversibilità; controversie in materia di equo canone delle locazioni di immobili urbani);
-Art. 18  c.  1   D.P.R. n.115 del  2002 certificati anagrafici richiesti dagli studi legali ad uso notifica atti giudiziari;
-Art.19 Legge 74/1987 ( divorzio o scioglimento degli effetti civili del matrimonio);
-Art.32 Disp. Att. Codice di procedura penale( recupero crediti professionali dei difensori d’ufficio);
-Art. 82 L. 184/1983, art. 13 Tabella del D.P.R 642/1972( adozione, affidamento e tutela dei minori).

Si specifica che la certificazione in carta semplice, comunque soggiace ai diritti di segreteria per l’importo di €0,26 da integrare con versamento postale.

  • certificati anagrafici in bollo:  (stato di famiglia, stato libero, stato di famiglia storico dopo il 1982, residenza, residenza storica dopo il 1982,): € 0,52 per diritti di segreteria  +  € 16,00  per imposta di bollo (tot. € 16,52)
  • certificati anagrafici in carta semplice (stato di famiglia, stato di famiglia storico dopo il 1982, residenza, residenza storica dopo il 1982): € 0,26 per diritti di segreteria
  • certificazioni storico anagrafiche di residenza (ossia, residenza storica di un cittadino  precedente al 1982) è solo in bollo: € 5,16 per diritti di segreteria +  € 16,00  per imposta di bollo (tot. € 21,16)

 

N.B.   L. 183/2011 - art. 15

Dall’ 1/1/2012 “le certificazioni rilasciate dalla Pubblica Amministrazione in ordine a stati, qualità personali e fatti sono valide e utilizzabili solo nei rapporti tra privati. Nei rapporti con gli organi della Pubblica Amministrazione e i gestori di pubblici servizi i certificati e gli atti di notorietà sono sempre sostituiti dalle dichiarazioni di cui agli articoli 46 e 47” del DPR 445/2000 (autocertificazioni).

 

CERTIFICAZIONI STORICHE DI FAMIGLIA ANTECEDENTI AL 1981 (*)

 

Queste certificazioni sono esclusivamente in bollo € 16,00 + per i diritti di segreteria € 5,16 per ogni componente presente nel foglio di famiglia del nucleo familiare oggetto della certificazione. Per tale motivo gli interessati prima di effettuare versamenti dovranno inoltrare all’Ufficio Certificati per Corrispondenza una richiesta di preventivo della spesa (allegando già una busta preaffrancata e preindirizzata) inviandola all’indirizzo: “Roma Capitale Dipartimento Servizi Delegati – Ufficio Certificati per Corrispondenza – Via L. Petroselli, 50 – 00186 Roma”, indicando un recapito telefonico e/o di posta elettronica che l’ufficio utilizzerà comunicare il costo della certificazione.

Ottenuta in tal modo la comunicazione dell’importo da pagare, il richiedente potrà inoltrare copia del versamento effettuato con bonifico o ccp a mezzo posta elettronica: anagrafe.certificati@comune.roma.it.

 

(*) N.B. Non è possibile certificare stati di famiglia storici (prima del 1982), quindi effettuare ricerche di eredi, per il periodo compreso tra il 1959 e il 1982.

 

Modalità reperimento informazioni relative al procedimento in corso

 

L'interessato potrà ricevere le informazioni relative al procedimento in corso presso l'ufficio competente e dal Responsabile; gli orari di apertura al Pubblico degli Uffici sono reperibili nella sezione Ti potrebbe interessare anche

 

anagrafe.certificati@comune.roma.it


0667103246 - 0667104784 - 0667104794 - 0667104108 - 0667103998

 

Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale

Ricorso alla Prefettura - U.T.G. di Roma entro 30 giorni.
Contro il provvedimento del Prefetto ricorso al T.A.R. del Lazio entro 60 giorni oppure ricorso straordinario al Capo dello Stato per soli motivi di legittimità entro 120 giorni.

 

Data aggiornamento 28/11/2019

Contenuti correlati
Torna all'inizio del cotenuto