Casa Digitale del Cittadino
Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Censimento permanente

 

Il 23 dicembre 2021 si è concluso il Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni, con cui l’Istat rileva, con cadenza annuale e non più decennale, le principali caratteristiche della popolazione dimorante sul territorio e le sue condizioni sociali ed economiche.

A differenza dei censimenti del passato, i censimenti permanenti coinvolgono di volta in volta una parte di territorio e di popolazione, ossia dei loro campioni rappresentativi. Grazie all’integrazione delle stesse rilevazioni campionarie con i dati provenienti da fonti amministrative, il Censimento permanente è in grado di restituire ogni anno informazioni che rappresentano l’intera popolazione, contenendo i costi e il disturbo statistico sulle famiglie.

Il disegno campionario del Censimento permanente prevede il coinvolgimento di tutti i Comuni italiani nel corso di un periodo che nella fase iniziale dura quattro anni; Roma Capitale, in quanto Comune “autorappresentativo”, è inclusa nel campione tutti gli anni.

 DOMANDE FREQUENTI SUL CENSIMENTO 2021

 

Obbligo di risposta e tutela della privacy

Per il Censimento permanente è previsto l'obbligo di risposta da parte delle famiglie coinvolte (secondo quanto sancito dall'art. 7 del d.lgs 6 settembre 1989 n. 322 e successive modifiche e integrazioni); in caso di violazione dell’obbligo di risposta, sono previste sanzioni.

Tutte le informazioni raccolte dall’Indagine sono garantite dalla legge sotto il profilo della tutela e della riservatezza, principi rigidamente rispettati e assicurati dall’applicazione delle disposizioni in materia di protezione dei dati personali, a livello europeo (Regolamento UE 2016/679, in vigore dal 25 maggio 2018) e nazionale. Per il trattamento dei dati raccolti in occasione del censimento, il personale coinvolto è tenuto ad osservare le disposizioni in materia di segreto d'ufficio e segreto statistico.

 

Rilevazione “Areale” e “da Lista”

Le rilevazioni censuarie previste con cadenza annuale sono due: la rilevazione Areale (A) e la rilevazione da Lista (L).

  • La rilevazione Areale ha avuto inizio il 1° ottobre 2021 con la ricognizione della porzione di territorio campionata da Istat da parte dei rilevatori comunali ed è proseguita con la rilevazione “porta a porta”, che ha avuto luogo tra il 14 ottobre ed il 18 novembre (termine prorogato al 26 novembre). Le famiglie interessate sono state avvisate tramite locandine affisse negli edifici e lettere impersonali inserite nelle cassette postali.
  • La rilevazione da Lista ha avuto inizio il 4 ottobre 2021 con la restituzione autonoma dei questionari da parte delle famiglie campionata da Istat; tale restituzione è avvenuta online fino al 13 dicembre e tramite intervista presso i Centri Comunali di Rilevazione (allestiti presso gli URP municipali) entro il 23 dicembre. La seconda fase, consistente nel recupero delle mancate o parziali risposte, ha avuto luogo tra l’8 novembre ed il 23 dicembre ed è avvenuta tramite intervista con un rilevatore o intervista telefonica da parte degli operatori comunali. Le famiglie interessate sono state avvisate da Istat tramite una lettera personalizzata contenente le credenziali d’accesso al questionario web.

 

Contatti e riferimenti

Per richiedere informazioni o chiarimenti o avere rassicurazioni sulle modalità di conduzione delle operazioni censuarie e sui contenuti delle interviste, i cittadini possono:

 

Per informazioni operative, dal 1° ottobre al 23 dicembre i cittadini di Roma Capitale hanno potuto:

 

Torna all'inizio del cotenuto