Segnala
Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Pineta di Castel Fusano - Municipio XIII

Ingresso: via Cristoforo Colombo, via Litoranea, via di Castel Porziano, viale della Villa di Plinio, via del Lido di Castel Porziano, via del Circuito

 

Municipio XVIII - superficie 10.000.000 mq

 

La Pineta di Castel Fusano, compresa all’interno della Riserva Naturale del Litorale Romano, costituisce la più vasta area di verde pubblico di Roma Capitale, unica sia per la vegetazione, più o meno fitta a seconda che vi domini il Leccio o il Pino domestico, sia per la ricchezza faunistica dovuta anche alla contiguità con la Tenuta Presidenziale di Castel Porziano.
La pineta, di origine artificiale, è stata impiantata nel 1700, a scopi produttivi, ed è oggi utilizzata da un gran numero di cittadini per svago, jogging e pedalate. Purtroppo un devastante incendio doloso nell’estate del 2000 ne ha distrutto oltre 250 ettari. Oggi, però, grazie ad una lunga opera di ricostituzione ed all’azione della natura stessa, l’ecosistema sta tornando alla sua forma originaria. 

Dal punto di vista faunistico la Pineta di Castel Fusano è un’area di estremo interesse per la presenza di specie ornitiche tipiche di boschi maturi, quali il Picchio rosso maggiore, il Picchio verde, il Picchio muratore, il Rampichino e il Rigogolo. Nell’area è segnalata la nidificazione della Ghiandaia marina. Tra i Mammiferi si ricordano l’Istrice, il Tasso e il Cinghiale e, tra i Rettili, la Testuggine di Hermann, la Natrice dal collare, il Cervone, la Coronella austriaca e la Vipera. Lungo il Canale dei Pescatori, che delimita a Nord-Ovest la Pineta, sono presenti estesi lembi di vegetazione ripariale utilizzata come sito di nidificazione dalla Cannaiola e dalla Gallinella d’acqua.

Ti potrebbe interessare anche
Torna all'inizio del cotenuto